Recupero urbanistico e valorizzazione delle aree degradate: l’impegno mantenuto di Aprilia Civica

50

L’Amministrazione comunale, guidata dal Sindaco Antonio Terra ha varato gli attesi provvedimenti per il recupero urbanistico e la valorizzazione di aree dismesse o in situazioni di disagio sociale ed economico. Si tratta di un punto qualificante del programma politico di risanamento cittadino che è alla base dell’esperienza politica della coalizione Aprilia Civica, formata dalle liste Forum per Aprilia, Aprilia Domani, L’Altra faccia della Politica, Rete dei Cittadini per Aprilia e Unione Civica. L’atto ha implicazioni sia a livello urbanistico che socio-culturale e rappresenta il compimento di un impegno preso con tutto il tessuto imprenditoriale della città, che da anni attende provvedimenti simili. L’atto di indirizzo, approvato dal Consiglio Comunale dello scorso 26 aprile, raccoglie infatti le osservazioni delle imprese, tra le quali quelle del Consorzio Industriali Zona Caffarelli (CIAP) sullo stato di degrado della zona e le relative ipotesi di recupero e rivalutazione produttiva e urbanistica. Richieste simili vengono avanzate anche per altre aree produttive del territorio. Per questo, la misura varata è estremamente importante: essa avvia una fase che – in attuazione della Legge Regionale 7 del 2017 sulla rigenerazione urbana – porterà alla riqualificazione e al recupero urbanistico di aree produttive che presentano le medesime problematiche dell’area Caffarelli. “Con questo atto – commenta l’Assessore alle Attività Produttive, Vittorio Marchitti – non solo recepiamo le istanze delle nostre imprese, ma stabiliamo anche un principio di carattere generale e linee guida per la riqualificazione di tutte le aree produttive del territorio. La riqualificazione aiuterà a recuperare siti dismessi che saranno così restituiti alla città, in particolare al nostro settore produttivo. Le aree riqualificate saranno così in grado di attrarre nuovi investimenti, produrre nuovi posti di lavoro e garantire nuovi servizi. Un grazie particolare da parte mia e dell’intera amministrazione va al Consorzio Industriali di Aprilia, che in questi anni ha lavorato intensamente e ci ha aiutato concretamente a delineare gli atti appena varati”. In questi anni, proprio grazie alla sinergia dell’Amministrazione comunale con il settore produttivo locale, sono state varante anche importanti misure, come l’installazione di otto impianti di videosorveglianza dedicati al monitoraggio delle vie di accesso nella zona Caffarelli o il rifacimento dei marciapiedi e la realizzazione della rotatoria in corrispondenza di un incrocio pericoloso. “La collaborazione con le imprese in questi anni è stato per noi veramente prezioso – continua l’Assessore Marchitti – e ci ha permesso di fare un salto di qualità. Dagli iniziali interventi di carattere emergenziale, concentrati prevalentemente nella rimozione di discariche e occupazioni abusive e nella messa in sicurezza di aree abbandonate (su segnalazione delle stesse aziende), siamo giunti finalmente ad una pianificazione globale delle aree degradate, volte non solo al recupero e alla riqualificazione ma anche a rimettere in moto l’intero sistema produttivo”. Altri provvedimenti – più di carattere generale – hanno riguardato anche la promozione delle attività produttive e l’apertura verso nuovi mercati: rientra in queste misure la partecipazione delle imprese all’Expo di Milano ma anche il varo della rete di imprese Aprilia in Latium, entrambe fortemente volute dall’Amministrazione Terra. Infine, ad ottobre dell’anno scorso, in collaborazione col la cooperativa Karibù, è stato avviato anche un progetto di integrazione di otto migranti ospitati in un centro di accoglienza del territorio. I migranti si occupano della pulizia delle strade, della manutenzione delle aree verdi, del decoro generale, e hanno partecipato anche ad un progetto artistico parallelo per l’ornamento dei cubi di cemento spartitraffico che caratterizzano l’area industriale.