SI ALLARGATA LA MAGGIORANZA DEL CENTRODESTRA A GUIDA DEL SINDACO FABRIZIO CREMONIN

441
Erriù Ciocchetti Ludovici Calliope

I I DUE CONSIGLIERI , ERRIU’ E LUDOVICI SONO UFFICIALMENTE TENTRATI IN MAGGIORANZA TRA GLI APPLAUSI DEL PUBBLICO E DI TUTTI I CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA

Erriù Ciocchetti Ludovici Calliope
Calliope-Ludovici

 

 

 

 

 

 

I due consiglieri comunali eletti nella lista della DC., che alle ultime elezioni sono stati eletti  nel cartello dell’aspirante candidato a sindaco del M5S Lucio Zito che al ballottaggio ha avuto il crollo con lo sconquassamento del cartello M5S, PD e D.C. Dove erano collocati gli stessi Erriù e Ludovici, dopo un anno in opposizione sono entrati nella  maggioranza di centrodestra del sindaco Fabrizio Cremonini.  Oggi, con il consiglio comunale al completo Erriù e Ludovici Calliope, sono transumati in maggioranza, lasciando all’opposizione i due del PD, i due della lista civica di Luca Vita e i due del M5S, Caratelli e Volante che comunque premono per entrare anch’essi in maggioranza.  Ancora non è certo con quale componente di consiglieri di maggioranza di Fratelli d’Italia si andranno a collocare sia Erriu’ che Calliope Ludovici, questo si saprà quando presenteranno il  candidato da sostenere alle prossime europee. Intanto  anche altri due consiglieri scalpitano per entrare in Fratelli d’Italia, al momento stanno trattando l’ingresso in maggioranza Volante e Caratelli. Per i due, è più difficile, va ricordato che nella precedente amministrazione erano in quota con il M5S  e Caratelli è stato per il M5S, il deus ex machina  di tutta la politica rutula durante il governo rosso-giallo, addirittura proprio per lui il M5S ha visto allontanare alcuni consiglieri eletti nel movimento stesso, chi si è dimesso e chi è entrato nel gruppo misto. Caratelli era la punta di diamante della maggioranza rosso-gialla, insomma non si muoveva foglia che Caratelli non voglia. Questi secondi due, che stanno bussando alla porta del centrodestra,  provengono  dallo sconfitto M5S. Va ricordato come nella prima repubblica, ogni volta che qualche gruppo entrava ufficialmente in maggioranza la coalizione si spaccava costringendo il sindaco alle dimissione o ancor più ad una raccolta di firme dei consiglieri per la sfiducia allo stesso sindaco. I due consiglieri appena entrati   porteranno un certamente un valore aggiunto alla maggioranza di centrodestra, del resto solo per incomprensioni con alcuni personaggi di cdx durante la composizione della coalizione di cdx, si sono dovuti candidare con la coalizione rosso-gialla se pur candidati nella lista della D.C., che di certo non sta a sinistra e ancor meno con l’ormai M5S. Mentre per quanto riguarda la componente della giunta almeno per il momento non è in discussione. I due sono entrati più per sigillare maggiormente la maggioranza che per dividerla essendo sempre stati a destra.

Luigi Centore