I TEATRI DELLA VISCOSA PORTANO A LATINA I TRENI DELLA FELICITA’

26

 

Lo spettacolo si terrà domenica 2 settembre nei giardini del comune di Latina, anziché nella piazzetta Nicolosi

Si chiude domenica 2 settembre la rassegna “E..state in piazzetta” organizzata da Rinascita Civile in collaborazione con il comitato di quartiere Nicolosi e Osteria del Nicolosi. Un misto di ironia e poesia. È l’essenza di “Criucc’ – I treni della felicità”, lo spettacolo teatrale che domenica 2 settembre sarà in scena, a partire dalle 21:30, nei giardini del Comune di Latina. È qui infatti che si sposta l’ultima serata di E…state in Piazzetta, la rassegna estiva promossa da Rinascita Civile, in collaborazione con il comitato di quartiere Nicolosi e Osteria del Nicolosi. Si tratta di uno spettacolo della durata di circa un’ora, adatto ad ogni tipo di pubblico, per tutte le età, che tratta il tema della solidarietà sociale. L’opera è frutto del lavoro degli autori-attori Laura Pece (artista pontina che per l’occasione rientra in città) e Stefano Greco, che insieme compongono il duo dei Teatri della Viscosa. Musiche e canzoni sono di Stefano Greco, con la partecipazione musicale di Julius Cordioli. Lo spettacolo si ispira al libro di “I treni della Felicità” – da cui riprende il titolo – di Giovanni Rinaldi. È un pezzo di storia dell’Italia del secondo dopoguerra, quando decine di migliaia di bambini tra i 3 e i 12 anni vennero ospitati e salvati in tutta Italia. Tra loro c’è Peppino, “figlio della rivolta di San Severo”, salito sull’ultimo treno della felicità e che diventa il filo conduttore dello spettacolo. Nel dialetto di San Severo “criucc” significa “creatura, bambino”, ed ecco che anche da questo riferimento nasce il titolo dell’opera, attraverso il quale si snoda tutta la storia. Gli anni sono quelli tra il 1946 e il 1952 e quello che si vuole raccontare è la grandezza di questa esperienza umana, una “meravigliosa esperienza collettiva che vide il superamento di pregiudizi e discriminazioni in una Italia solidale e resiliente”. Stefania Belmonte – Latina, 28 agosto 2018 (Pagina a cura di Gianfranco Compagno)