Presentato il bilancio dell’attività nel 2021 della Polizia Municipale

 

SOSTE “SELVAGGE”, ABBANDONO DEI RIFIUTI E MANCATO RINNOVO DELL’ASSICURAZIONE: IL MALE DEGLI APRILIANI

Più che raddoppiate rispetto allo scorso anno le sanzioni per violazione al codice della strada

Il Comandante della Polizia Municipale Massimo Giannantonio

di Riccardo Toffoli

Più che raddoppiati i numeri delle infrazioni al codice della strada rilevate nel 2021 dalla Polizia Municipale di Aprilia guidata dal comandante Massimo Giannantonio. Il 20 gennaio è la ricorrenza di San Sebastiano, patrono dei Vigili Urbani e come tradizione, viene promossa una cerimonia religiosa presso la chiesa di San Michele e una cerimonia istituzionale nella quale viene snocciolato il bilancio dell’attività svolta nell’anno precedente. Quest’anno, per via della pandemia, la cerimonia religiosa è stata ristretta al corpo di viale Europa e dopo la cerimonia sono stati enunciati i dati più importanti e gli obiettivi raggiunti nel corso del 2021 appena concluso. I dati consuntivi del bilancio dell’attività della Polizia Municipale di Aprilia nel corso del 2021 dimostrano un corpo estremamente attivo che riesce a superare non solo i numeri raggiunti nel 2020, decimati dal lockdown, ma anche quelli del 2019. Le infrazioni rilevate dalla municipale nel 2021 sono state ben 6520 a fronte delle 2638 del 2020 e delle 6204 del 2019 (pre-pandemia). Gli incassi per le infrazioni al codice della strada sono stati 294 mila 657 euro. Gli apriliani si confermano leader in assoluto della sosta selvaggia. Ma lo si vede quotidianamente nelle strade. 3970 sanzioni su 6520, si tratta del ben 60,88%, riguardano una sosta “selvaggia”. I numeri sono alti dappertutto: da quelle fastidiosissime come la sosta su parcheggio disabili, la sosta su attraversamento pedonale o in prossimità di incrocio, su marciapiede o su specifico cartello “divieto di sosta”. In calo, invece, le soste su passo carrabile che passano da 37 del 2020 a 20 del 2021. Ma la vera novità assoluta sono i 26 verbali di contravvenzione sugli spazi destinati alla ricarica dei veicoli elettrici. In quest’ultimo anno sono state collocate le colonnine per permettere agli automobilisti di ricaricare la propria vettura elettrica. Ma queste sono spesso occupate da sosta “selvaggia”. È come parcheggiare davanti ad una pompa di benzina. “E’ una questione culturale come la vicenda dei monopattini –ci spiega il comandante della polizia Municipale Massimo Giannantonio- le persone ancora non riescono a comprendere che l’area serve solo per la sosta strettamente necessaria alla ricarica del veicolo elettrico. Non può sostare lì la vettura anche se è elettrica o ibrida. Purtroppo la situazione non è ancora percepita e ci troviamo periodicamente segnalazioni ad esempio alla colonnina della stazione di Campoleone o a via Di Vittorio”.

LE SOSTE SU STRISCE BLU

Schizzate tantissimo le sanzioni per le soste sulle strisce blu senza titolo di pagamento. Passano da 858 del 2020 a 2595 del 2021. Un incremento in percentuale del 202,44%. “Su questo dato sicuramente incide l’effetto lockdown del 2020 –ci spiega il comandante Giannatonio- ma c’è anche un discorso che abbiamo fatto con l’Asam e l’amministrazione comunale. Se, com’è intento dell’amministrazione, bisogna esternalizzare il servizio, è necessario che le soste a pagamento in città vengano valorizzate. Abbiamo chiesto delle migliorie alla Multiservizi che ha provveduto sempre nei limiti dei bilanci. Penso alle macchinette a norma, al ripristino della segnaletica orizzontale e verticale. Questa sinergia ha permesso anche a noi di svolgere al meglio il nostro ruolo”.

I RIFIUTI ABBANDONATI

Un altro dato estremamente significativo riguarda la situazione dei rifiuti. La Polizia Municipale nel 2021 ha svolto 450 sopralluoghi per abbandono indiscriminato dei rifiuti e 150 per inquinamento ambientale. 3 soli i verbali per violazione delle norme di immissione delle acque e 8 per abbandono di rifiuti. Ma il 2022 per chi abbandona rifiuti indiscriminatamente per strada sarà molto duro. Il Comandante ha già detto che è intenzionato ad acquistare un nuovo macchinario per sanzionare. “Sul tema dei rifiuti abbiamo avuto un anno molto faticoso –ci dice Giannantonio- ogni giorno facciamo sopralluoghi e abbiamo 3 o 4 segnalazioni. Al comando per agevolare il lavoro, abbiamo accorpato l’edilizia con l’ambiente in un ufficio unico di modo che chi è presente in ufficio, svolge sempre questo tipo di lavoro e il settore non viene mai scoperto. Questo ha permesso di essere più presenti ma anche ha fatto emergere la difficoltà che incontriamo di sanzionare chi getta rifiuti per strada. Abbiamo, quindi, individuato un percorso che ci permetterà di reagire con prontezza e maggiore determinazione sul fenomeno tramite l’acquisto di un particolare macchinario, tra l’altro non eccessivamente esoso. Al momento dell’operatività, forniremo tutti i dettagli”.

TANTI ANCORA SENZA ASSICURAZIONE

La piaga di girare con la macchina senza assicurazione è purtroppo ancora presente in città. Sono 230 le sanzioni elevate nel 2021 a fronte delle 56 dell’anno scorso. La Polizia Municipale da qualche anno si è dotata di un macchinario, il Munipol, che permette di controllare subito se si è sprovvisti del titolo assicurativo, oltre ovviamente ai controlli di routine. “Purtroppo padre e madre di famiglia, indistintamente –ci dice Giannantonio- la prima cosa che tagliano è il pagamento della polizza assicurativa della vettura. Lo fanno ancora adesso nonostante si sa benissimo che abbiamo sistemi di controllo molto affinati. Lo fanno perché pensano che usano la macchina solo per Aprilia, o la usano poco. Ma un incidente può capitare anche se si esce una sola volta e stare senza assicurazione è assolutamente pericoloso. Posso dire che i sanzionati si affrettano a recarsi negli uffici per pagare la sanzione e rinnovano immediatamente la polizza assicurativa. Il mio invito è sempre quello di rinnovare la polizza assicurativa sempre”.

UN COMANDO CHE STA FUNZIONANDO

Sono ben 18 mila 660 le pratiche evase dal Comando nel 2021, solo due anni fa erano la metà. “Questo dato dimostra che il comando è efficiente –commenta Giannantonio- Quest’anno abbiamo migliorato la rete internet che ci ha permesso di fare molto in più. Siamo passati dalla rete normale alla fibra e i risultati si vedono ogni giorno”.

CONCILIARE LE NORMATIVE COVID ALLE PRATICHE QUOTIDIANE NON E’ SEMPLICE

“Abbiamo lavorato abbastanza bene anche se purtroppo il permanere dell’emergenza pandemica ci sbilancia –ha commentato Giannantonio- dobbiamo dedicare almeno una unità alle misure anticontagio. C’è un grande impegno da parte di tutte le forze dell’ordine in tal senso. La risposta positiva è sicuramente dovuta al lavoro sinergico con le associazioni di Protezione Civile che ci aiutano veramente molto e con la Croce Rossa. Penso ad esempio al servizio di consegna dei pacchi alle famiglie indigenti, ai servizi Covid, alla presenza fissa nel drive-in. Per questo vorrei ringraziare prima di tutto loro. Inoltre voglio rendere un riconoscimento al personale del corpo della Polizia Municipale per aver mostrato la capacità di adattamento a queste nuove situazioni”. “Colgo l’occasione per ringraziare il corpo di Polizia Locale, che in questi anni ha mostrato tutta la propria operosità per il bene della nostra Città – ha dichiarato il Sindaco Antonio Terra– in questi anni l’Amministrazione comunale ha potuto prender atto della crescita in termini di qualità del lavoro della Polizia Locale, anche attraverso la collaborazione con le altre realtà cittadine e con le altre forze dell’ordine. Il lavoro da fare è ancora molto, sicuramente, ma con questi presupposti affrontiamo con estrema fiducia le incombenze che avremo in questo e nei prossimi anni”.