L’Istituto Rosselli: Didattica a distanza e lavoro agile per garantire il servizio “Le famiglie possono contare sulla scuola”

 

 

Ugo Vitti Dirigente Scolastico dell’Iss Rosselli di Aprilia

Anche l’Istituto “Carlo e Nello Rosselli” di Aprilia ha subito risposto alle richieste del Presidente Mattarella e del Premier Conte e si è impegnato, insieme a tutti gli italiani, al contrasto alla diffusione del Coronavirus.

Anche l’Istituto “Carlo e Nello Rosselli” di Aprilia ha subito risposto alle richieste del Presidente Mattarella e del Premier Conte e si è impegnato, insieme a tutti gli italiani, al contrasto alla diffusione del Coronavirus trasformando la sua routine quotidiana in azioni telematiche e dematerializzate. Dalle attività delle segreterie a tutti i corsi di studio, ogni azione è stata trasferita sul web e tutto il personale e gli studenti si sono uniti nello slogan comune #iorestoacasa.
Sono stati ovviamente mantenuti in presenza alcuni servizi essenziali ed il presidio dell’istituto, per consentire all’utenza impossibilitata ad operare a distanza a fruire dei servizi delle segreterie, aperte il lunedì ed il giovedì dalle 9:00 alle 12:00, sempre nel rispetto delle norme igienico-sanitarie previste dai Decreti che si sono succeduti in questi giorni.
Già dal primo giorno di chiusura delle scuole, il Dirigente Ugo Vitti ha dato il via alla Didattica a Distanza impartendo precise indicazioni sulla modalità di utilizzo delle piattaforme di e-learning impiegate da anni e con successo nell’Istituto apriliano, Moodle e Office365. Le lezioni vengono svolte in diretta attraverso videoconferenze con Teams (Office365) durante il regolare orario delle lezioni o in modalità asincrona sfruttando i contenuti multimediale che i docenti pubblicano su Moodle. Le lezioni in diretta avvengono come normali lezioni in aula con gli studenti che interagiscono con i docenti ponendo delle domandi o scrivendo sulle chat. Attraverso il Registro elettronico gli studenti restano sempre aggiornati sulle attività assegnate ed i compiti da svolgere.
È stata avviata anche la prova di incontri collegiali telematici grazie all’impegno di molti docenti che, oltre alle attività didattica, si stanno dedicando con costanza alla sperimentazione di nuovi metodi di interazione. Il Dirigente ha condotto in questo modo un incontro di Contrattazione e sono già stati simulati dei Consigli di classe.
Pochi giorni fa il Dirigente Scolastico ha realizzato un video di ringraziamento, incitamento e supporto, dedicato a tutta la comunità scolastica e condiviso anch’esso grazie alla piattaforma didattica.
“Questi primi giorni di utilizzo intensivo degli strumenti messi a disposizione ci hanno fornito alcune indicazioni sulla possibilità degli studenti e dei docenti di utilizzare questa forma didattica con connessioni e dispositivi personali che ci hanno confortato nella disponibilità dell’uso del digitale come supporto alla didattica. I numeri ed i grafici d’uso delle due piattaforme digitali, confermano l’impegno degli studenti e dei docenti nei percorsi formativi. La scuola, ma soprattutto i docenti, si confermano un accentratore di coesione e di unificazione e le famiglie continuano a contare su questa istituzione per garantire percorsi formativi che accompagnino gli studenti nel mondo degli adulti” dichiara il Dirigente Scolastico Ugo Vitti.

Dichiarazione Amati: Nei giorni precedenti all’emanazione del Decreto che ha sospeso le lezioni, avevamo già iniziato a studiare le modalità attraverso le quali avremmo esteso l’e-learning a tutti gli studenti dell’Istituto. Ho usato la parola esteso perché la “Didattica a distanza”, seppur in una forma meno massiva, era già una realtà del nostro Istituto. Il Ministro Azzolina ci ha però sorpresi e siamo quindi stati costretti ad accelerare sensibilmente i nostri programmi. Il corpo docente ha reagito egregiamente, nonostante sia stato proiettato da un giorno all’altro in questa nuova dimensione, e ha affrontato questa ennesima sfida. Non nascondo che qualcuno abbia tentennato di fronte a questa modalità didattica, manifestando qualche perplessità, ma la determinazione e la convinzione con cui ci siamo mossi ha fugato ogni dubbio ed ora siamo tutti impegnati a tempo pieno con i nostri studenti. Sono orgoglioso di appartenere a questa comunità scolastica che non risparmia energie pur di mantenere il contatto con gli studenti!

Dichiarazione Savino: Dall’inizio della crisi, momento in cui il Presidente del Consiglio dei Ministri Conte ha decretato la sospensione delle lezioni, il nostro Istituto ha subito attivato, azzarderei con molto successo, la cosiddetta “didattica a distanza” (o teledidattica come la chiamano i nostri studenti!). Grazie ad un pool di docenti esperti e volenterosi, amministriamo, gestiamo ed utilizziamo due piattaforme digitali e-learning, Office365 e Moodle, che da qualche giorno funzionano ormai a pieno regime. Abbiamo in attività circa 1400 alunni e più di 250 docenti, oltre ad un piccolo esercito di non docenti che collaborano alla piena riuscita dell’azione didattica (a distanza!). A dire il vero abbiamo avviato la didattica on line già da 5 anni, dietro la forte spinta dei nostri dirigenti. Nel tempo siamo cresciuti nell’esperienza e nella dedizione completa a questa nuova frontiera della didattica. Nell’affrontare questo delicato periodo di crisi, la nostra Scuola si proietta interamente nella didattica a distanza a vantaggio degli studenti e delle famiglie e, come sempre, risulta esserne il necessario e importante punto di riferimento. Sono orgoglioso di far parte di questa realtà! FORZA ROSSELLI!!!

Dichiarazione Trapani: La chiusura dell’attività didattica nelle scuole in Italia non mi ha colto di sorpresa. Già da alcuni anni, infatti, nella didattica quotidiana utilizzo insieme ad altri colleghi la piattaforma digitale “Office 365”, pertanto, sin dal primo giorno di sospensione, ho mantenuto il contatto con i miei studenti svolgendo attività di laboratorio di scrittura o  conversazioni e lezioni tenute in video conferenza.

Il commento dei ragazzi è positivo, perché avvertono la sensazione confortante di far parte di una comunità che li educa, li forma e non li abbandona.
Da parte mia, sono felice di sapere con certezza che come me, tanti altri miei colleghi stanno facendo altrettanto, avvertendo lo stesso senso di responsabilità nei confronti dei propri studenti.

Dichiarazione Ceravolo: Nella pratica specifica la piattaforma Office 365 offre la possibilità di lavorare con il singolo gruppo classe creato su Teams.  Attraverso video conferenze i ragazzi seguono la lezione mediante materiale caricato precedentemente o istantaneamente dal docente, possono intervenire e fare domande in diretta.

Per ulteriori approfondimenti il docente utilizza “Screencast o Matic”, un programma che consente di realizzare video lezioni rendendo il proprio schermo del pc una sorta di LIM per poi condividerlo con i ragazzi.
Per verificare il feedback il docente, mediante Forms, ha la possibilità di creare una serie di questionari di gradimento, test di valutazione delle conoscenze acquisite durante la singola lezione e molto altro. Per i docenti di lettere la correzione dei compiti in classe risulta più agevole grazie alla sezione “Compiti a casa” presente sulla cartella di ogni singolo alunno del Teams: gli alunni infatti, dopo aver elaborato il proprio compito su Word, caricheranno i loro lavori sulla piattaforma ed il docente istantaneamente potrà evidenziare errori, correzioni per poi restituirle così al ragazzo. L’ora di lezione a distanza è un’ora in cui si esorcizza la paura e si collabora agevolmente in una sola ottica: quella della condivisione.

Dichiarazione Pezzella: Anche il dipartimento dei docenti specializzati per le attività di sostegno, ha messo in campo una serie di iniziative al fine di garantire il diritto allo studio e all’inclusione degli studenti e delle studentesse con disabilità, DSA e altro BES.
Ogni docente di sostegno, in sinergia con i docenti curricolari, ha attivato una forte collaborazione ed un ponte tra alunno/famiglia e la singola classe virtuale progettando una individualizzata la didattica a distanza. La vicinanza della scuola agli alunni non si è attivata solo con le classi virtuali, ma si sono messi in campo tutti i mezzi di comunicazione affinché le singole fragilità possano essere supportate con l’obiettivo di rasserenare i ragazzi in quella che si presenta come una speciale normalità.
Recependo le indicazioni della Regione Lazio l’IIS Rosselli ha attivato ha inserito nelle classi virtuali e in tutto il processo d’inclusione, il personale di assistenza specialistica che in team con i docenti di sostegno ampliano quelle che sono le opportunità inclusive e formative di tutti gli alunni senza alcuna distinzione.