Entusiasmo e grande partecipazione al secondo Open Day dell’Istituto Gramsci

Un secondo Open Day entusiasmante quello vissuto dai piccoli e grandi ospiti per conoscere l’Istituto Gramsci. Tantissime novità da scoprire.

Entusiasmo e grande partecipazione al secondo open day all’Istituto Gramsci: una scuola aperta, accogliente e professionale ha accolto le famiglie dei nuovi alunni che inizieranno, il prossimo anno, il loro viaggio nella “scuola dei grandi”.

In un’Aula Magna gremita, il dirigente scolastico, prof.ssa Floriana Vinci, ha accolto le famiglie e illustrato il Piano dell’offerta formativa dell’Istituto. In seguito, i vari insegnanti, per ogni dipartimento, hanno illustrato, insieme ai loro alunni, i progetti e le varie attività didattiche che vengono svolte durante l’anno scolastico. Un’atmosfera gioiosa, che non ha tuttavia distolto professori e alunni dal presentare insieme con freschezza, passione e giusta serietà il lavoro che insieme si svolge nella nostra scuola. In questa iniziativa gli alunni della secondaria hanno avuto un ruolo molto attivo, in quanto alcuni hanno guidato i “visitatori” all’interno dell’edificio, altri hanno svolto e illustrato in prima persona le attività stesse. I docenti hanno avuto il ruolo di coordinamento delle varie esperienze presentate.

Numerosi sono stati i complimenti che i genitori hanno rivolto ai docenti e agli studenti per l’entusiasmo e la professionalità dimostrati.

Durante il giro nella scuola da parte dei genitori e dei piccoli alunni i reporter del corso di Giornalismo web della scuola hanno effettuato delle video interviste che saranno inserite nel prossimo Tg Gramsci.

Qui di seguito illustrate le attività presentate dai vari dipartimenti.

Dipartimento di Lettere Enorme interesse hanno suscitato i laboratori utilizzati dalle insegnanti di Lettere per presentare ai genitori parte delle attività svolte durante l’anno scolastico, sia nelle ore curricolari che in quelle extra-curricolari. Attraverso tali laboratori, con la collaborazione dei loro alunni, le insegnanti hanno inoltre illustrato le varie metodologie utilizzate, tutte finalizzate alla acquisizione degli specifici obiettivi disciplinari.

 Laboratorio del Progetto Lettura

Le professoresse Barbara e Cinzia Pedrazzi, la professoressa Michela Mariottini, con la collaborazione dei ragazzi, hanno accolto i genitori nel laboratorio dedicato al progetto lettura d’istituto con l’intento di mostrare i numerosi aspetti che lo caratterizzano: dalla mail art ai libri realizzati a mano, dalla lettura ad alta voce alla recitazione, dalla parola alla sua rappresentazione grafica e pittorica, dal testo alla musica. Come per incanto Pinocchio, il Mago di Oz e altri personaggi fantastici si sono materializzati per offrire a grandi e piccoli visitatori un viaggio straordinario lo stesso che i nostri alunni vivono ogni volta che sfogliano un libro! Lettura e creatività il binomio vincente di questo progetto che si sviluppa in maniera multidisciplinare privilegiando la pratica laboratoriale. Grande sorpresa, inoltre, per gli ospiti la visita alla biblioteca scolastica da poco realizzata che, per l’occasione, ha ospitato una mostra dei libri realizzati dai ragazzi. Lap book, pop up, libri a fisarmonica, valigette dell’investigatore, libri tunnel, libri di tutti i generi e di tutte le forme. Gli alunni hanno inoltre presentato i giochi e gli strumenti utilizzati quotidianamente per la promozione della lettura soffermandosi in modo particolare sul gioco di finzione “Il commesso viaggiatore” e sul Kamishibai. Sono state inoltre sottolineate le numerose collaborazioni con il Comune, le case editrici ed altri progetti presenti nella nostra scuola come Educhange e il progetto Parole e musica.

Laboratorio multimediale: Didattica Digitale e Flipped Classroom (Italiano Storia, Geografia e Cittadinanza e Costituzione)

Novità: la realtà Virtuale per conoscere da vicino il mondo della Geografia, della Storia e della Letteratura.

Gli alunni, durante l’open day, guidati dalla prof.ssa Marilena Ferraro e dal professor Luciano Bonanni, hanno illustrato alle famiglie la piattaforma e – learning Fidenia e l’utilizzo delle Google Apps nello studio. In italiano storia e geografia alcune classi lavorano con il metodo della classe capovolta e utilizzano la tecnologia per apprendere in modo coinvolgente. Già dai primi giorni delle medie gli alunni si iscrivono ad una piattaforma dove creano la classe virtuale (Fidenia). In questa piattaforma l’insegnante condivide le video lezioni e il materiale utile per lo studio e gli alunni condividiamo i lavori. Gli alunni hanno una email d’Istituto con la quale possono utilizzare le Google Apps for Education per lavorare in modo cooperativo anche a distanza. I ragazzi hanno spiegato l’utilizzo delle diverse Apps per fare mappe parlanti, ebook e mappe concettuali digitali. Per mostrare e condividere anche con le famiglie i lavori che vengono realizzati gli alunni hanno spiegato l’utilizzo del metodo dei Qrcode. Inoltre, gli alunni hanno illustrato il progetto lettura digitale dal titolo: Ti presento un libro 2.0. Il progetto lettura 2.0 prevede la realizzazione di una biblioteca di classe sia cartacea che digitale, i ragazzi catalogano i libri in un’App, che si chiama Libib, così tutti da casa possono scegliere il libro da leggere. Dopo la lettura realizzano una video recensione diventando dei veri e propri book blogger e una scheda di lettura digitale con le Google Apps. Infine, creano i Qrcode personalizzati per mostrare i lavori. In seguito, i ragazzi hanno spiegato il progetto “Il muro della poesia” dove quotidianamente inseriscono una loro poesia e hanno illustrato la partecipazione a premi nazionali con menzioni d’onore e selezione di alcune poesie per essere musicate e raccolte in un CD. Gli alunni della classe prima hanno spiegato il progetto di lettura ad Alta voce con le “Favole al telefono” di Gianni Rodari. Una didattica che parte dal libro per arrivare a sviluppare una creatività digitale.

Novità del secondo Open day la realtà virtuale che permette agli alunni di apprende la geografia, la storia e la letteratura da protagonisti; con le App di Google possono creare tour virtuali, spiegarli e condividerli per poi immergersi, nei contenuti creati, con gli occhiali 3D e compiere il loro viaggio della conoscenza.

Tutto questo è stato spiegato dagli alunni che hanno fatto vedere sul campo il loro modo di lavorare, inoltre hanno permesso ai piccoli ospiti di giocare con dei divertenti giochi didattici di geografia, storia e italiano.

Laboratorio di Giornalismo web, Blog Giornale e Tg Gramsci

Durante l’Open day i ragazzi, guidati dalla prof.ssa Marilena Ferraro, hanno illustrato il corso di Giornalismo web e alcuni di loro hanno effettuato interviste ai genitori presenti nella sala di registrazione dotata di green screen e di attrezzature per le riprese. Da 5 anni nel nostro Istituto si svolge il corso di giornalismo web collegato al Blog giornale della scuola e da due anni anche il TG Gramsci. Questo è il terzo anno che rientriamo tra le 100 migliori redazioni italiane di giornalismo scolastico vincendo l’Oscar del giornalismo scolastico per il blog e il tg. Un corso che coinvolge la scuola primaria e secondaria e prevede la costituzione di una redazione dove i giovani reporter apprendono le nozioni fondamentali del giornalismo scrivendo e rielaborando articoli per il Blog Giornale della scuola e partecipando al Tg Gramsci. Un progetto che va a potenziare le capacità linguistiche, di scrittura e di espressione.

Laboratorio di Drammatizzazione letteraria  Grandissimo interesse ha suscitato il laboratorio di Drammatizzazione Letteraria, dove gli alunni, coordinati dalle professoresse Maria Rosaria Salvi e Deborah Tosi, hanno mostrato alle famiglie presenti le loro “performance” teatrali. Alcuni alunni si sono cimentati nella recitazione, in dialetto napoletano, e nella rappresentazione della famosissima poesia “A’ Livella” del grande attore napoletano Totò, scelta nel mese di novembre per diffondere il messaggio che con la morte ha fine qualsiasi tipo di discriminazione tra gli uomini. Altri alunni, invece, all’interno di una coinvolgente attività di “role play”, si sono “trasformati”, nel senso letterale della parola, nei personaggi dei libri che hanno più amato e sui quali hanno riflettuto durante le ore dedicate al Laboratorio di Lettura.

Laboratorio “Lettere…..classiche” Durante l’open day le professoresse Beatrice Cangelosi, Lucia Decinti e Cristina Migliozzi si sono soffermate ad illustrare le metodologie e le attività svolte anche attraverso l’utilizzo di altri canali e arricchimenti, che sono stati esposti in un secondo momento dagli alunni: giochi di ruolo,apprendimento creativo, uso del digitale, compiti di realtà, mappe concettuali.Inoltre, le insegnanti hanno presentato i vari corsi di recupero e di potenziamento, come quello dell’alfabetizzazione della lingua latina e di quella greca, che vengono svolti nel nostro Istituto durante le ore extra-curricolari. A tale proposito sono intervenuti anche ex alunni che hanno evidenziato quanto sia servito il percorso svolto nella scuola media per affrontare l’attuale corso di studi.

Dipartimento di Lingue straniere – Accolti nel laboratorio linguistico dalle professoresse Elisabetta Di Brigida, Licia Acquafredda, Ada Catalano e Patrizia Bisacco, genitori e ragazzi sono rimasti entusiasti di fronte alla presentazione di una didattica innovativa delle lingue straniere, grazie all’uso del libro di testo multimediale che si rivela uno strumento poliedrico ed inclusivo. I dialoghi prendono vita nei vari video e gli alunni possono sperimentare la lingua più da vicino, gli esercizi interattivi con feedback rendono lo studio un po’ meno noioso e la classe virtuale, in cui docente e studenti interagiscono, rendono l’apprendimento più interessante, coinvolgente e attivo. Due alunni di seconda hanno poi presentato il progetto Educhange, che, da due anni, ospita per 6 settimane due studenti universitari stranieri che lavorano in classe con i ragazzi a livello interdisciplinare su un obiettivo specifico tra quelli dell’Agenda 2030, comunicando essenzialmente in lingua inglese. Per loro è un’esperienza che permette di sperimentare la lingua straniera come mezzo di comunicazione oltre che una straordinaria occasione di scambio culturale. Infine, le professoresse Catalano e Bisacco hanno ricordato ai genitori che è possibile scegliere tra il francese e lo spagnolo come seconda lingua comunitaria. A tal proposito, dato negli ultimi anni la scelta è ricaduta maggiormente sullo spagnolo, si sono invitati i genitori a riflettere sull’importanza della lingua francese, non solo per i suoi aspetti culturali e socio-economici ma anche per la sua presenza in molti indirizzi di scuola superiore.

Laboratorio sportivo – Mai tanta partecipazione al Laboratorio Sportivo, dove alcuni allievi delle classi terze, hanno raccontato al pubblico presente, le loro esperienze di attività sportive scolastiche e situazioni vissute nell’apprendere le tecniche di sports quali la Vela, la Canoa, il Rafting, partecipando alle uscite e al campo scuola/sportivo, supportati dalle Prof. sse Fascia Luisa, Brutovska Marcela e il Prof. Piero Grisaro.

Dipartimento di musica – sezione ad indirizzo musicale – laboratorio musicale
Grandissima partecipazione e interesse del pubblico per le molteplici attività musicali della scuola. L’open day di quest’anno si è aperto nell’aula magna dove il dirigente scolastico ha accolto i genitori con un breve riepilogo delle molteplici attività della scuola e lasciando poi la parola ai docenti di strumento: prof.ri Roberta Barbera ( flauto traverso), Stefano Catena (tromba), Patrizia Ercoli (pianoforte), Cecilia Iacomini (violino), che hanno introdotto l’orchestra formata dagli alunni del Corso ad Indirizzo Musicale: il tema  della “Pomp and circumstance March n° 1”, risalente   al primo Novecento ,arrangiato e diretto dalla Prof.ssa Roberta Barbera  docente di Flauto traverso  , mentre   l’ ensemble formato dagli alunni delle  classi di flauto  e violino,  con l’accompagnamento della viola della prof.ssa Cecilia Iacomini  , ha fatto ascoltare il Tourdion di G. Mainerio suggestivo brano  dell’epoca rinascimentale.

Per le persone interessate è stato poi possibile intrattenersi e interagire con i docenti di strumento impegnati nelle lezioni a classi aperte. Il saluto a tutti i presenti, inoltre, è stato dato, sempre in aula magna, con le prove delle filastrocche recitate e musicate di G. Rodari, anch’esse oggetto di esibizione natalizia, come coronamento delle attività che si svolgono nell’Istituto. Inoltre, tutti i bambini interessati alle attività del corso ad indirizzo musicale hanno avuto modo di provare e vedere da vicino la collaborazione tra il “Progetto Lettura” e il progetto “Parole e Musica” testimonianza dell’efficacia delle contaminazioni e della didattica laboratoriale in un’ottica interdisciplinare utile alla crescita equilibrata dei ragazzi e grande stimolo per la ricerca e la valorizzazione delle attitudini personali degli allievi. Molto apprezzata dal pubblico presente, per la disinvoltura e la simpatia del piccolo attore, la performance della filastrocca di “Pinocchio” accompagnata al pianoforte da una breve riduzione della colonna sonora del film di L. Comencini.

La professoressa Cinzia Milluzzo ha accolto gli/le ospiti con brani natalizi e non, eseguiti con il flauto dolce da alcuni alunni. Successivamente ha coinvolto i giovani in attività di percussioni corporee. La Body Tap, nello specifico, sviluppa negli allievi attenzione, memoria, creatività e sensibilità musicali. Inoltre, consente di acquisire gli elementi di base del linguaggio ritmico partendo dall’esperienza, anziché dalla teoria.
La professoressa Milluzzo privilegia una pedagogia musicale che mira a sviluppare, musicalità, ascolto dell’altro, senso ritmico e condivisione in forma ludica.
In quest’ottica la conoscenza del linguaggio musicale è un punto di arrivo anziché di partenza. musicale volte a fa conoscere ai ragazzi i vari generi musicali e le varie tecniche.

Dipartimento scientifico La didattica laboratoriale delle scienze anche in questa occasione ha affascinato ragazzi e genitori. Nel laboratorio scientifico il professor Alessandro Carlomagno ha illustrato i materiali didattici e le apparecchiature di cui dispone l’Istituto. Il professore nel corso degli anni ha allestito una ampia collezione di rocce e fossili, resa ancor più ricca da vetrini di micropaleontologia e di mineralogia. Un’altra sezione degna di interesse è quella del settore di elettrologia, elettronica e robotica, che comprende dei kit di apparecchiature radio e dei robot programmabili. Nell’altra aula a disposizione per il dipartimento scientifico, con la supervisione delle professoresse Paola Carusone, Maria Licastro, Clelia Maciariello e Federica Minucci, sono stati gli alunni della scuola a mostrare ai visitatori quanto si apprende attraverso la didattica laboratoriale. Con l’uso di materiali cosiddetti “poveri”, facilmente reperibili, hanno riproposto e spiegato esperimenti e modellini di biologia e chimica, trattando argomenti che vengono studiati nel corso del triennio.