184° Anniversario della costituzione del Corpo dei Bersaglieri

 

 

184° Anniversario della costituzione del Corpo dei Bersaglieri, specialità dell’Arma di Fanteria dell’Esercito italiano. Fu istituito il 18 giugno 1836 in Piemonte, allora Regno di Sardegna, su proposta del Capitano Alessandro La Marmora.                                             Il compito del Corpo era di esplorazione, primo contatto con il nemico e fiancheggiamento della fanteria di linea. Il battesimo del fuoco avvenne l’8 aprile 1848 nella battaglia del ponte di Goito, all’inizio della Prima Guerra d’Indipendenza, ove rimase gravemente ferito lo stesso La Marmora. Protagonisti della “Breccia” di Porta Pia a Roma il 20 settembre 1870: quest’anno ne ricorre il 150° anniversario.

Nel corso della seconda guerra mondiale i Reggimenti Bersaglieri vennero inquadrati nelle Divisioni corazzate, motorizzate e celeri, e combatterono valorosamente su tutti i fronti. Parteciparono alla Guerra di liberazione con il 4º Reggimento ed il Battaglione “Goito”.        Attualmente i Reggimenti sono 6 e le loro Bandiere sono decorate di 7 Croci di Cavaliere O.M.R.I. , 10 Medaglie d’Oro, 8 Medaglie d’Argento, 26 Medaglie di Bronzo al Valor Militare e di 1 Medaglia d’Oro e 3 d’Argento al Valore dell’Esercito.

I Bersaglieri sono stati protagonisti in varie missioni internazionali di pace in Libano, Somalia, Bosnia, Albania, Kosovo, Iraq e Afghanistan. Come tutti i soldati dell’Esercito Italiano hanno dato il loro prezioso contributo per contrastare e contenere la diffusione del Covid19.Inoltre, la Brigata Bersaglieri Garibaldi è stata impegnata nell’ambito dell’Operazione Strade Sicure, ottenendo lusinghieri risultati nel garantire la sicurezza dei cittadini della Capitale.

LA FANFARA – L’atto costitutivo del Corpo del 18 giugno 1836 stabiliva che per ogni compagnia ci fossero 13 trombette ed un caporale trombettiere. Era il 1° luglio 1836 la prima volta che i Bersaglieri uscirono dalla Caserma “Ceppi” di Torino : «…marciavano in testa dodici soldati colla carabina sulla spalla sinistra, tenendo nella destra corni da caccia con cui suonavano una marcia allegra, vivace e tale da far venire la voglia di correre anche agli sciancati…» (Quarenghi).

La Fanfara dei Bersaglieri è l’unica al mondo ad esibirsi a passo di corsa. Questa consuetudine deriverebbe dall’ingresso in Roma, alla breccia di Porta Pia, che i fanti avrebbero dovuto effettuare a passo di carica, ma che divenne spontaneamente una corsa.

(Comunicato associazione “Un ricordo per la pace”; cenni storici, missioni e attività Bersaglieri da http://www.esercito.difesa.it)