Silvio Berlusconi : Il Presidente si spegne al San Raffaele

462

di Antonella Bonaffini

Non stava simpatico a molti, non aveva la stima di chi aveva un pensiero politico diverso dal suo ma una cosa è indubbia. Oggi viene a mancare un uomo che ha fatto la storia del nostro paese. La vicenda di Mani Pulite consegna al mondo una Italia smarrita, sfiduciata, un paese che aveva bisogno di una guida. In molti trovarono nella figura del Cavaliere un uomo affidabile su cui riporre le proprie speranze. Il suo ingresso politico gli costerà caro e lo vedrà come imputato coinvolto in vari processi ma con la padronanza di sempre. In alcuni processi vennero pronunciate, in primo grado ed in appello, sentenze di condanna a cui seguiranno assoluzioni in grado definitivo per vicende legate al fisco, a presunte tangenti, a mafia e festini. Stranamente, Silvio Berlusconi ne uscirà però indenne. Il 5 aprile, Silvio Berlusconi arriva al San Raffaele in affanno. Resterà ricoverato per 45 giorni. Il 6 Maggio, indossera’ una camicia ed una giacca e, da una sala dell’ospedale, interverrà in collegamento alla Convention di Forza Italia. Parlerà a lungo, lucidissimo come sempre ma molto affaticato. Qualche giorno dopo, in occasione delle amministrative, con un filo di voce riapparira’, per invitare gli Italiani a votare. Un uomo politicamente sempre leale, un lavoratore instancabile, una persona che verrà ricordata per il suo attaccamento alla famiglia, per ciò che dal nulla aveva saputo creare, con impegno, energia e dedizione straordinaria. La sua ultima apparizione sembra essere un commiato commosso, pronunciato con un filo di voce, in cui il Presidente, sembrerà volersi congedare dal mondo con la dignità sempre dimostrataci e con un velo di malinconia, quella stessa malinconia che avrebbe un condottiero nell’aver la sensazione di dover purtroppo abbandonare la sua nave. Genio, visionario, amico leale e padre amorevole. Una persona che, qualsiasi cosa si dica, ha voluto, e soprattutto, saputo fare la differenza nel tentativo di modificare la storia del nostro paese.