“M5S E PD, SONO RIMASTI SOLI”

 

 SI RICOMPATTA IL CENTRO DESTRA CON IL RITORNO DI SIMONE ERRIU’ E CALLIOPE LUDOVICI. IL SINDACO FABRIZIO CREMONINI SEMPRE PIU’ FORTE PER LA RISOLUZIONE DEI PROBLEMI RUTULI

I consiglieri Simone Erriù, e Calliope Ludovici con l’Onorevole Luciano Ciocchetti

di Luigi Centore

In uno degli ampi saloni dell’Hotel ristorante “La Pineta dei Liberti” a Tor San Lorenzo si è tenuta l’annunciata cerimonia dell’ingresso dei consiglieri Simone Erriù e Calliope Ludovici in Fratelli d’Italia e conseguentemente la titolarità al gruppo di maggioranza che attualmente governa Ardea con a capo il sindaco Fabrizio Cremonini. Alla cerimonia illustri personaggi della politica romana che hanno presenziato alla scelta dei due ex D.C., di trasferirsi in Fratelli d’Italia, a ratificare questa decisione personaggi politici illustri, quale l’Onorevole Luciano Ciocchetti, Massimiliano  Maselli  candidato alla regione Lazio, e l’On. Giovanni Libanori .  I consiglieri   Simone Erriù, e Calliope Ludovici,  entrano a far parte del partito che governa Ardea senza alcun incarico politico almeno per il momento. Del resto va ricordato come lo stesso Erriù e Calliope Ludovici sono sempre stati politici di estrazione di centrodestra tanto che  nell’ultima tornata elettorale sono stati eletti con una lista non certo di sinistra quale quella della D.C.

L’ingresso dei due consiglieri in Fratelli d’Italia, non esclude che possa essere emulato anche da altre consigliere che elette addirittura nel M5S e nel PD, possano seguire l’esempio di Erriù e Ludovici Calliope, e anch’esse ritornare alle origini. Si rafforza con questo passaggio in maggioranza il sindaco Cremonini che avrà sempre più una maggioranza più ampia e coesa di persone preparate politicamente e professionalmente, ed una opposizione che potrebbe essere composta soltanto da due o tre consiglieri come l’ex candidato a sindaco per il M5S quale Lucio Zito e del capo cartello del PD Alessandro Mari, alleati nell’ultima elezione e che non avendo brillato quali consigliere e presidente del consiglio comunale nel governo della città di Ardea, il popolo rutulo li ha posizionati all’opposizione.