LE ATTIVITA’ COMMERCIALI VANNO CONTROLLATE ANCHE PER IL DECORO CHE DOVREBBERO DARE  ALLA ZONA,

457

 

              A seguito dell’articolo apparso sul nostro giornale dal titolo “Ultimati i lavori della rotonda  su via Laurentina incrocio con viale Nuova Florida, diversi cittadini ci hanno contattato per far rilevare quanto purtroppo malgrado il bello della fontana che da lustro all’incrocio ed all’amministrazione comunale, c’è un problema che non certo da lustro alla zona vanificando gli sforzi dell’autorivenditore Ucci che a proprie spese ha eseguito i lavori, oltre  che al sindaco che sensibile al bello di far  mantenere accogliente quell’incrocio, ingresso del paese,  con diverse attività commerciali, riqualificando così tutta la zona di Rio Verde. Purtroppo una di queste attività non brilla certo per vista architettonica purtroppo si attira  critiche per essere un deposito  in suolo pubblico di rifiuti, (vedere la planimetria) e per di più a meno di un centinaio di metri dal comando della Polizia Municipale che se gli agenti,  pur passando di continuo su quell’incrocio sembrano  non vedere l’indecorosa situazione. Molte sono le lagnanze che si ricevono.  Ed è bene specificare che non parliamo del sistema igienico sanitario di cui non essendo tecnici non entriamo in merito, ma parliamo del problema urbanistico a partire dallo slargo davanti all’ingresso di via Laurentina dove è un giornaliero  deposito a cielo aperto di rifiuti scarti dei prodotti agroalimentare, rifiuti che non venendo ritirati tutti i giorni  e non per negligenza del  dott. Serpieri, responsabile della concessionaria per la raccolta R.S.U., questi marciscono e danno cattivo odore anche alle attività commerciali che danno lustro all’ingresso del paese. Inutile parlare di tendoni posti per riparare dal sole le mercanzie, coperture che danno l’impressione di essere in un accampamento dell’Africa sahariana, accampamenti simili  non si vedono neppure nei campi Rom delle Salzare.  Il disappunto dei cittadini è che in quell’incrocio ci transitano politici di ogni genere a partire dal sindaco che sembra non vedere, ma soprattutto ci passano tutti gli agenti della municipale compreso il neo comandante Ten. Col. Marzia Sgrò. Ormai quell’incrocio  è un nuovo centro commerciale, con farmacia, ristorante bar ed attività varie,  forse uno dei più completi del territorio e che da lustro al paese essendo  il centro, uno degli ingressi principale  dell’entrata  al paese più antico del territorio, e con la sistemazione della rotonda con lo zampillare dell’acqua  e le attività commerciali tutt’intorno da un bel vedere al paese, se tutte le attività fossero ben curate.  Certo l’appello in primis va al sindaco e all’attenta assessore all’ambiente Lucia Anna Estero ma a tutti gli politici che transitano in quell’incrocio non di meno l’appello dei cittadini è rivolto anche al comando della polizia locale che certo ci “butterà un occhio”

Luigi Centore