CHI SI ATTRIBUIRA’ LA PROSSIMA CANDIDATURA A SINDACO ? MARIO SAVARESE O LUCIO ZITO? TRA I DUE LITIGANTI POTREBBE GODERNE UN TERZO MAGARI DEL PD?

433

                                                                              nelle foto il sindaco Savarese, il Consigliere Abate con il presidente della Regione Zingaretti e il presidente del consiglio di Ardea Zito

Si riporta un articolo della capogruppo consiliare Anna Maria Tarantino del “Gruppo TOTI – Coraggio Italia – Cambiamo con Toti) La capogruppo riporta come ancora una volta il Pd e il M5S, pur di stare al governo di Ardea, si allea con i suoi peggiori nemici come li defini la stessa Paola Taverna vicepresidente del Senato e autorevole sponsor dell’Eurodeputato Fabio Massimo Castaldo. Ad Ardea il M5S, guidato dal sindaco Mario Savarese che ha portato il Pd, con tutti i personaggi di quelli di prima al governo del paese pur di restare in sella. Senza l’ingresso in giunta del Pd guidato da Antonino Abate,  il M5S, sarebbe finito dilaniato tra lotte interne che vedono antagonisti per la prossima candidatura a sindaco Mario Savarese e l’attuale presidente del consiglio comunale Lucio Zito che ha attorno a se tutti i “duri e puri” del M5S quelli che non volevano alleanze, tanto che il M5S di Ardea, se pur riesce a nascondere bene le due anime ormai ai ferri corti, di fatto ha due fazioni, chi vuole portare a sindaco Lucio Zito come sarebbe emerso da una votazione al loro interno che lo ha visto vincitore e chi Mario Savarese spalleggiato dal segretario locale Antonino Abate e da tutto il gota del Pd locale e regionale.. Intanto consiglieri del  Pd, e sindaco si sbracciano a riportare annunci di finanziamenti  che  riceverà  da parte della Regione Lazio, o a riportare lavori effettuati e pagati,  da società esterne come quelle del metano, Enel o Telecom (vedi via di Pratica di Mare) che dopo aver posato le loro reti ripristino a regola d’arte essendo società serie. intanto si fanno proclami sui fondi che starebbero per arrivare ad Ardea, soltanto finanziamenti ed annunci ad “effetto” e sotto campagna elettorale considerando che il prossimo mese di maggio del 2022 si vota ad Ardea, finanziamenti che se pur dovessero arrivare va detto che sono quelli richiesti da Mario Savarese e dai suoi alleati piddini, condizione sine qua non che ha portato in maggioranza il Pd capeggiato da Antonino Abate, definito l’Andreotti rutulo.

“Il Partito democratico di Ardea finalmente è uscito allo scoperto e con la scusa del senso di responsabilità, buona per tutte le stagioni, finalmente ha detto che è in maggioranza.Il Pd, poi, compie un peccato e dice che è necessario stringersi attorno all’azione amministrativa del sindaco Mario Savarese. Sarebbe davvero interessante comprendere quale sia l’azione amministrativa del grillino Mario Savarese visto che,ad oggi, più che di azione bisogna parlare di inazione.

I risultati di questo sfacelo sono fin troppo evidenti.L’ufficio condono è bloccato per un ricorso al Tar, il rilancio delle farmacie è bloccato per un ricorso al Tar, la videosorveglianza sul territorio non è mai partita, l’appalto dei rifiuti non è mai stato avviato, la gara del trasporto pubblico locale non è mai stata definita, la nuova sede comunale è partita con un insieme di problemi che sarebbe stato meglio non farla, la gestione dell’emergenza Covid è stata condotta in modo scellerato, tanto che un vero e proprio focolaio è esploso proprio nella sede comunale, il personale è trattato nel peggiore dei modi possibili, i servizi sono stati tagliati, ridotti, smembrati, devastati.

Il Pd di Ardea dovrebbe chiedersi prima di tutto questo e non emulare gli accordicchi nazionali del Governo Conte.Il Movimento 5 Stelle di Ardea è trattato dallo stesso Movimento 5 Stelle nazionale come meno di niente. Oggi provano a cambiare faccia, indossando la maschera del Pd.I cittadini non sono sciocchi: stanno facendo il conto alla rovescia, manca un anno e mezzo alla fine di questo sfacelo e non vedono l’ora che ciò accada. Anna Maria Tarantino”

Luigi Centore