APRILIA – IL VILLAGGIO DELLA LEGALITÀ APPRODA IN PIAZZA ROMA

305

Questa mattina il sindaco di Aprilia Lanfranco Principi, insieme agli assessori Elvis Martino, Gemma Stampatore e Veronica Napolitano, al presidente del consiglio comunale Salvatore Lax, ai consiglieri Daniela Di Lorenzo, Nicoletta De Rossi, Maria Teresa Fiore, Sonia Bianchi e Vincenzo La Pegna, ha visitato il Villaggio della Legalità. Dopo l’evento inaugurale ieri presso l’Istituto Comprensivo Arturo Toscanini, gli stand Roma dalla Polizia Locale di Aprilia, dai Carabinieri, dalla Guardia di Finanza, dalla Polizia Stradale, dai volontari Avis e dalla Protezione Civile Associazione Nazionale Carabinieri sono stati allestiti in piazza Roma. Un’occasione per le forze dell’ordine di promuovere la cultura della legalità alle scolaresche e ai cittadini, mostrando loro mezzi e attrezzature utilizzate quotidianamente nelle attività di indagine e di presidio del territorio.Presso l’aula consiliare “Luigi Meddi”, il Primo Cittadino e il consigliere incaricato alla sicurezza e protezione civile Vincenzo La Pegna, hanno proceduto alla consegna degli attestati di riconoscimento che le associazioni Antonino Caponnetto e Gli amici di Daniele hanno voluto attribuire per particolari meriti agli esponenti delle forze dell’ordine e alle associazioni di volontariato. Le benemerenze sono state attribuite all’Associazione Nazionale Carabinieri di Aprilia e Fiumicinoal Commissario della Polizia di Stato Giulio Bernardini, al Maggiore dell’Arma dei Carabinieri Alberto Guidobaldi, all’Ispettore della Polizia di Stato Dosolina Petronelli, all’Appuntato scelto della Guardia di Finanza Gennaro Siglioccolo, al Brigadiere della Guardia di Finanza Antonio Pino.

Di seguito il discorso integrale tenuto dal Sindaco Lanfranco Principi.

Sono lieto di accogliere in quest’aula consiliare i rappresentanti delle associazioni e delle forze dell’ordine che in questi due giorni hanno collaborato per allestire “Il Villaggio della Legalità”.

Si tratta di un evento importante, al quale molte scuole hanno scelto di aderire, a partire dall’Istituto Comprensivo Toscanini che ieri ha ospitato il momento inaugurale.La presenza delle scuole e la partecipazione delle istituzioni a questo genere di iniziative volte a promuovere e divulgare la cultura della legalità, rappresenta in modo inequivocabile il significato che questa amministrazione attribuisce al concetto di legalità. Appuntamenti come questo sono senza dubbio importanti per accendere i riflettori su un tema tanto sentito, ma riteniamo che la legalità vada messa in pratica ogni giorno, attraverso le parole, attraverso le azioni, attraverso i piccoli gesti quotidiani. Come amministratori di questa città, il nostro compito non è soltanto quello pur importante, di porre in essere un’azione amministrativa nel rispetto delle leggi e dei regolamenti, ma vigilare affinché la trasparenza e la legalità siano sempre il faro che si accompagna alla corretta applicazione delle procedure. Fondamentale per noi il rapporto di stretta collaborazione con le forze dell’ordine presenti sul territorio e che a breve ci accingiamo a premiare per l’impegno profuso a garantire la sicurezza di tutti i cittadini. Ogni giorno presidiano le nostre strade, talvolta mettendo a rischio la propria incolumità nel tentativo di garantire ai cittadini la possibilità di sentirsi al sicuro, in strada così come all’interno delle proprie abitazioni. Il nostro più sentito ringraziamento va a loro, che in questi due giorni hanno tolto tempo al lavoro che quotidianamente svolgono per dedicarsi a un impegno non meno gravoso e altrettanto importante: far conoscere alla città e in particolar modo ai bambini delle scuole in cosa consistono le attività alle quali quotidianamente si dedicano con amore e dedizione. I bambini hanno mostrato entusiasmo e curiosità e questo mi rende felice per due motivi:  perché attraverso il loro interesse hanno reso giustizia a questo lodevole impegno e perché dimostrano di aver intuito che principalmente a loro, gli adulti di domani, sono rivolte queste importanti iniziative, perché la cultura della legalità sia insita nel loro DNA”.