“Aprilia Civica” attacca la maggioranza del sindaco Principi

244

 

Ancora una volta siamo costretti ad intervenire su questioni di interesse pubblico per correggere gli “strafalcioni” della maggioranza Principi. Dopo i pasticci sul Bilancio e la delibera relativa al contratto della Progetto ambiente priva dei necessari pareri tecnici, ecco arrivare da piazza Roma un altro errore “rosso” questa volta sull’edilizia scolastica.Traendo in errore la politica, il mondo scolastico e l’intera città, la maggioranza ha sbandierato ai quattro venti la notizia di aver ricevuto, grazie alla filiera di centrodestra, un finanziamento per la realizzazione in città di una scuola per l’infanzia. Falso.

Ricevuto il decreto ministeriale, in qualità di forza di opposizione, abbiamo scoperto gli errori e smascherato le bugie della compagine Principi:

  • Il Ministero, sulla base delle necessità dei territori e al di là dei colori politici, sta finanziando progettualità relative ad asili nido fascia 0-2 anni. (Nuovo Piano asili nido PNRR 734,9 milioni di euro).
  • Il progetto della scuola per l’infanzia di via Pergolesi-Monteverdi risulta allo stato approvato ed in attesa di finanziamento.

Mai prima d’ora abbiamo assistito a così tanti e gravi errori amministrativi come in questi primi mesi di governo del centrodestra. Non ci sbagliavamo quando già in passato abbiamo parlato di “dilettanti allo sbaraglio”. Consigliamo maggiore attenzione nell’azione di governo della cosa pubblica e di evitare fughe in avanti al solo scopo propagandistico, sulla base per giunta di sviste macroscopiche.Inoltre avanziamo la proposta di mettere in agenda la possibilità di realizzare questo asilo nido in periferia.

I risultati in termini di servizi alla cittadinanza arrivano attraverso un’attenta analisi del territorio. Ascoltate le esigenze della comunità, si passa poi alla fase progettuale. Ottenuto l’eventuale finanziamento, arriva il momento della condivisione con le realtà sociali della città. Questa è la road map che abbiamo seguito in questi anni. Una politica di buon governo che ha aperto una stagione positiva in termini di opere e progettualità nel campo dell’edilizia scolastica i cui risultati sono manifesti e sotto gli occhi di tutti. A prova di bugie.