ALL’OSPEDALE CITTA’ DI APRILIA AL VIA IL MESE DELLA PREVENZIONE DEL TUMORE ALLA PROSTATA

375

Novembre è considerato il mese della prevenzione del tumore della prostata e più in generale della prevenzione maschile, iniziativa supportata dalla federazione internazionale Movember. In Italia, secondo i dati della Società Italiana di Urologia (SIU), solo il 10-20% degli uomini effettua una visita di prevenzione contro oltre il 50-60% delle donne di pari età. Inoltre 9 maschi su 10 si sottopongono a visita medica solo se affetti da patologie gravi e sono estremamente reticenti a parlare delle proprie problematiche con uno specialista. In Italia il tumore alla prostata è la patologia oncologica più frequente tra gli uomini adulti e rappresenta oltre il 20% della totalità dei casi di tumore maschile oltre i 50 anni. Poiché si tratta di un tumore molto spesso asintomatico, di vitale importanza è la diagnosi precoce.

In questo contesto nasce la campagna di sensibilizzazione e di promozione alla prevenzione del tumore alla prostata promossa dall’Ospedale Città di Aprilia, prestigiosa struttura sanitaria del gruppo Lifenet, in collaborazione con Fimmg (Federazione italiana di medicina generale) Roma. L’iniziativa ha ottenuto il patrocinio del Comune di Aprilia.

Dal 3 al 28 novembre, gli specialisti dell’Ospedale saranno a disposizione di tutti gli uomini con visite urologiche ed esami del PSA gratuiti. Le prestazioni non necessitano di prenotazione e sono disponibili fino a esaurimento posti. Basta recarsi al CUP senza appuntamento tutti i martedì e venerdì dalle ore 11,00 alle ore 12,30 e il sabato dalle ore 11,00 alle ore 12,00.

“Siamo orgogliosi di aver messo in campo questo progetto di prevenzione del tumore alla prostata, – afferma Gabriele Coppa, Direttore Generale dell’Ospedale Città di Aprilia   lo siamo ancora di più vista la collaborazione con l’amministrazione Comunale e la FIMMG che rappresenta i Medici di Medicina Generale. La collaborazione con la Medicina del Territorio è la chiave di volta per il successo di questo tipo di iniziative. Il Medico di Famiglia che, meglio di chiunque altro conosce il proprio assistito, sarà fondamentale per l’arruolamento di quegli uomini che possono rientrare tra i soggetti maggiormente a rischio per stile di vita o familiarità. Noi, come Ospedale Città di Aprilia, ci mettiamo a disposizione dei nostri cittadini ed in particolare della Medicina di Territorio”.

L’amministrazione che ho l’onore di rappresentare – sottolinea il sindaco di Aprilia Lanfranco Principi – è consapevole di quanto sia importante la prevenzione al maschile sostenuta dal movimento Movember, dedicata al tumore alla prostata e altre patologie correlate. Siamo lieti di affiancare l’Ospedale Città di Aprilia, alla quale va dato merito di promuovere periodicamente campagne di sensibilizzazione che hanno lo scopo di migliorare la qualità della vita dei pazienti, ma che talvolta possono salvargli la vita”.

“La salute della ghiandola prostatica deve essere attenzionata a partire dai 50 anni” – spiega Roberto Giulianelli, Direttore della Struttura Complessa Interaziendale di Urologia dell’Ospedale Città di Aprilia“Visita urologica e PSA rappresentano un ottimo metodo per individuare precocemente l’insorgere di patologie che alterano questo stato di salute.  Alzarsi la notte, avere urgenza di trovare una toilette, la “sindrome del garage”, avere difficoltà nell’iniziare ad urinare e avere la sensazione di non svuotare la vescica al termine della minzione sono sintomi da non sottovalutare così come un continuo incremento del valore del PSA. Il percorso che proponiamo è quindi il modo migliore per iniziare a valutare con un urologo se esistano qualcuno di questi sintomi, spesso misconosciuti o poco presi in considerazione dal paziente, che alterano la salute della ghiandola prostatica.”

L’esame del PSA (acronimo inglese che sta per: antigene prostatico specifico) è un prelievo di sangue eseguito per verificare il livello di PSA, una sostanza prodotta dalla ghiandola prostatica e che serve a rendere fluido il liquido seminale. La bontà del suo livello è il primo indice dello stato di benessere della prostata. La visita urologica non è né dolorosa, né invasiva e consente di anticipare la diagnosi di patologie spesso silenti e asintomatiche. In caso di anomalie emerse dalla visita o dalla valutazione dei valori del PSA, gli specialisti dell’Ospedale Città di Aprilia potranno accompagnare il paziente lungo il percorso più adeguato che può prevedere l’osservazione, una terapia o l’esecuzione di approfondimenti dell’iter diagnostico.

Plaude all’iniziativa, anche Pierluigi Bartoletti, segretario provinciale della Fimmg Roma che dichiara: “Iniziative come questa sono lodevoli soprattutto in un momento come l’attuale dove uno dei temi principali è l’equità e la semplicità di accesso alle cure. Avere un riferimento sicuro dove poter effettuare dei semplici esami di screening su una patologia come il tumore della prostata una delle patologie più frequenti nel maschio adulto significa contribuire in modo significativo e tangibile agli obiettivi di prevenzione primaria del sistema sanitario. I medici di famiglia trovano spesso difficoltà nell’avere riferimenti di prossimità in grado di poter garantire in tempi ragionevoli una valutazione clinica specialistica, con queste iniziative si dà sostanza vera al tanto desiderato percorso territorio-ospedale, che consente al paziente di sentirsi seguito ed al medico di famiglia di avere un rapporto concreto col collega specialista”.