ALLE SALZARE NEI 706 ETTARI ENNESIMA BRILLANTE OPERAZIONE DELLA SQUADRA ANTIDROGA DELLA TENENZA CARABINIERI DI ARDEA

 

                                                               Il Tenente Antonio Calabresi

Ennesima operazione di contrasto alla droga messa a segno dalla squadra antidroga della tenenza dei carabinieri di Ardea nel territorio dei 706 ettari della Salzare. L’operazione è scattata da parte della squadra antidroga dei carabinieri della locale tenenza, nel momento in cui con la “musica” delle sirene delle “Gazzelle” dell’Arma sono partiti dal comando per andare a prelevare due giovani in via dei Colli Marini, dove li attendevano alcuni militi che sorvegliavano con discrezione le abitazioni. Il servizio investigativo della squadra antidroga comandata da un maresciallo (per motivi di sicurezza è generico) e coordinata dal Comandante della tenenza, Ten. Antonio Calabresi dopo alcune segnalazioni di conferma, hanno deciso di intervenire per stroncare il commercio dello stupefacente nel territorio dopo accurate indagini. Con un blitz i militi dell’Ardea si sono recati presso le abitazioni dei presunti trafficanti e senza colpo ferire li hanno caricati in auto e portati nella locale tenenza e messi a disposizione dell’autorità giudiziaria. L’area di spaccio dei due era nel più vasto territorio rutulo. Le indagini sono ancora in corso per accertare eventuali complici e fornitori e non si escludono nuovi arresti. Va comunque detto che da qualche mese a questa parte l’impegno per il contrasto alla droga è aumentato ed i risultati si stanno vedendo con piena soddisfazione dei cittadini del lungomare maggior luogo di spaccio. Di recente la stessa squadra ha assicurato alla giustizia spacciatori e fornitori che avevano come area di vendita la zona del lungomare e una piazza di Tor San Lorenzo. Purtroppo certe operazioni non sono di facile soluzione e tenute in sicurezza dova è non trapela nulla. La zona dei 706 ettari delle Salzare completamente abusiva, e piena di discariche a cielo aperto, è un habitat ideale per chi delinque che tra l’altro riesce a mescolarsi tra tante brave persone, un’area vasta che non ha fogne, pubblica illuminazione, acqua potabile, non ha strade asfaltate per cui anche un inseguimento diventa pericoloso, un’area ormai terra di nessuno, dove neppure l’attuale amministrazione sta mettendo rimedio. In un habitat così degradato dove abbondano discariche di rifiuti anche tossici, ruolutte di rom, (non ultimo il sequestro delle stesse) rende difficile operare. Malgrado ciò questo non scoraggia la squadra antidroga della tenenza che sta mettendo sempre più a segno operazioni antidroga con ingenti sequestri ed in tutte le zone del territorio rutulo ed anche fuori comune per un più incisivo contrasto allo stupefacente, riscuotendo il plauso della cittadinanza e della classe politica tutta.

Luigi Centore.