A futura memoria: I fabbisogni di personale non si coprono con dirigenti a contratto

 

Daniela Falso nuova Segr. Gen Comune.                                                                               e ing-emanuele-calcagni-dirigente-ufficio-tecnico-comunale

di Luigi Centore

 Cosi veniva scritto su “Italia Oggi” in un articolo del 01.02l2019 a firma di Luigi Oliveri. A chiarirlo è la Corte dei Conti sezione regionale di controllo per il Lazio con deliberazione del 5 dicembre 2018 nr. 73 che censura l’affidamento da parte del Miur di un incarico ad interim ad un dirigente assunto ai sensi dell’articolo 19 comma 6. Questo soltanto per ricordare a quei dirigenti come l’Ing, Emanuele Calcagni in primis che per eccesso di zelo è sempre disponibile a fare il contrario di quanto prevede l’artico su menzionato, e magari per un eccesso di zelo, solo per dimostrarsi   collaborativo e gentile a chi cerca di imporgli direttamente o indirettamente questo fare. La pubblica amministrazione dovrebbe fare i concorsi ed assumere figure definitive, o far firmare persone in pianta stabile e di alto livello come può essere una segretaria generale comunale. Ora si cerca sempre di scaricare responsabilità su i più “deboli” quali i precari. Non a caso ad Ardea le figure dirigenziali assunte ai sensi dell’articolo 19 comma 6 sono diverse certo oltre a all’Ing. Calcagni.       La scarsità di figure apicali in pianta stabile sono poche come l’altro   funzionario dirigente quale il Dott. Faraone che è in “società o più volgarmente a mezzo servizio con il comune di Anzio”e da qualche settimana stando in malattia, qualcuno ha ben pensato di caricare all’Ing. Emanuele Calcagni assunto come da comma su menzionato se non anche con l’articolo 10 la funzione di dirigente ad interim alle finanze, affinchè firmi documenti e pagamenti finanziari a ditte e personale.     .   Operazioni di incarichi al limite dello “sfruttamento”? E per di più in una struttura Statale quale il comune? Se oggi ci troviamo ad Ardea in queste condizioni lo dobbiamo proprio a questo fare. Lavori anche di grande responsabilità accettati alla “volemisebene”. Sarebbe ora che questo sistema si interrompa, e che si fanno i concorsi definitivi, o che si assumano altre figure per il settore che ne è sprovvisto. Il vecchio saggio diceva: “il medico pietoso fa venire le piaghe al malato”. Non a caso tutte le amministrazioni da quando Ardea è comune autonomo si sono servite per tanti lavori di dirigenti e personale assunto per una mansione di collaborazione o di passacarte, con certi articoli e comma, e poi sono stati messi a fare altro, non a caso si cerca il volontariato   per lavori non previsti anche rischiosi e pericolosi. Quindi rispettare quanto stabilito dalla Corte dei conti si rende necessario illustri dirigenti non effettivi.