Possibile effettuare il test sierologico e il tampone rapido antigenico nelle farmacie

SOTTOSCRITTO, INOLTRE, TRA REGIONE LAZIO E LA MEDICINA GENERALE L’ACCORDO INTEGRATIVO CHE RECEPISCE L’ACCORDO NAZIONALE PER EFFETTUARE I TAMPONI RAPIDI ANTIGENICI. PREVISTO IN SETTIMANA L’ARRIVO DI 200 MILA TEST ANTIGENICI RAPIDI AI MEDICI DI MEDICINA GENERALE

Nelle farmacie del Lazio arrivano il test sierologico e il tampone rapido antigenico. Sarà possibile effettuarli dalla prossima settimana. A prevederlo un accordo siglato tra la Regione Lazio e le associazioni di categoria dei farmacisti, pubblicato oggi sul Bollettino ufficiale della Regione Lazio.
Il test sierologico avrà un costo non superiore ai 20 euro e la sua esecuzione avverrà su appuntamento. Il tampone rapido antigenico non potrà superare i 22 euro e per l’esecuzione le farmacie potranno avvalersi del supporto di personale sanitario.
Le farmacie potranno aderire su base volontaria. I test saranno svolti all’interno degli esercizi in spazi separati, ma qualora la farmacia ne fosse sprovvista, sarà possibile effettuarli durante l’orario di chiusura o in un ambiente esterno.
Una volta completato il test, il farmacista inserirà i dati dell’utente e il risultato del test sulla piattaforma della Regione Lazio. In caso di esito positivo al test sierologico o all’antigenico, il cittadino dovrà effettuare il tampone molecolare di conferma in un drive-in con ricetta del medico. Il farmacista dovrà invece comunicare tempestivamente la positività al Servizio igiene e sanità pubblica (Sisp) dell’Asl competente.
Un servizio per la cittadinanza e un accordo che favorirà l’attività di tracciamento e contrasto del virus.