Ardea, per riparare il semaforo, aspettiamo che ci scappi il morto?

306

 

E’ poco meno di un mese che questo semaforo è stato divelto a seguito di un incidente automobilistico, un semaforo posizionato in uno dei punti più pericolosi del territorio di Ardea. Parliamo del semaforo di Largo Genova dove gli automobilisti che percorrono le strade di Viale Gorizia provenienti dal boschetto della Nuova Florida  e via Forlì che porta sulla via Litoranea dove c’è un tratto dell’unica pista ciclabile, gli automobilisti   attraversano  via Pratica di Mare strada provinciale ad alta percorrenza come del resto lo sono le due strade della lottizzazione Nuova Florida. Tante le suppliche giunte in redazione affinchè si scrivesse qualcosa per sensibilizzare l’Amministrazione comunale, la polizia municipale  e l’assessorato di riferimento, che sembrano restare  insensibili ai pericoli che corrono i cittadini che attraversano l’incrocio di via Pratica di Mare che da oltre un mese è fuori uso. Giorni fa furono criticati gli agenti della polizia municipale che andarono ad installare un piccolo foglio ciclostilato che avvertiva gli automobilisti del pericolo, (avvertire si fa per dire) mettendo sul palo in via precaria anche un fanalino luminoso giallo. Insomma quella che i cittadini hanno definito una “Presa per i fondelli” . L’incrocio è uno dei punti più attraversati di tutti gli incroci del territorio, dove le auto che percorrono ad alta velocità via Pratica di Mare senza il semaforo sfrecciano come a “Vallelunga”. Va detto che già con il semaforo ci sono stati diversi incidenti anche gravissimi alle persone. Ora i cittadini sono convinti che per ripristinare il tutto deve scapparci il morto o l’incidente con ferite invalidanti che per la vita li costringerà a restare su una sedia a rotelle, del resto incidenti gravi sono di già avvenuti in passato. La mancanza del ripristino da parte dell’assessorato preposto o della municipale che sembra avere il capitolo segnaletica stradale, permette agli agguerriti consiglieri di opposizione se pur pochissimi ed incapaci di svolgere il loro ruolo  di criticare giustamente una delle migliori amministrazioni di quando Ardea è comune Autonomo  vanificando gli sforzi del sindaco Cremonini e della  sua  giunta mettendo in cattiva luce i consiglieri stessi.

Luigi Centore