DIVIDE ET IMPERA

 

Alessandra Cantore

Caos nel centrodestra, sempre più spaccate le varie anime del cdx e sempre più alcuni gruppi,  strizzano l’occhio al cartello del segretario Antonino Abate che garante  degli accordi tra  il PD e il M5S potrebbero chiedergli di entrare nel  cartello di sinistra PD e M5S. Una strategia che non sarebbe capita da un paese essere lo zoccolo duro del centrodestra.  Al momento a spaccare il centrodestra sembrano essere le due maggiori forze quella della Lega e quella di Fratelli d’Italia, ognuna pensa di avere la supremazia su tutti i gruppi del cdx ed ognuna crede di essere quella più adatta ad esprimere un sindaco per la coalizione. Intanto il cartello costituito dall’ex consigliere Massimiliano Giordani composto da “Cambiamo con Toti – Coraggio Italia” “Democrazia Cristiana” “Ardea 2022” le cui liste  propongono  candidato  a sindaco il dott. Giovanni Colucci, mentre la D.C.  propone l’avvocato Alessandra Cantore che già in passato si è distinta come vice sindaco per la coalizione di cdx, lasciando un buon ricordo di lei sia come politica, sia professionalmente oltre che umanamente. La Cantore, sembra essere la più papabile per il centrodestra e non soltanto per il cartello messo in piedi da Massimiliano Giordani  che si candidò a sindaco   nella lista di fratelli d’Italia dalla quale, non essendo stato eletto come sindaco si dimise facendo entrare il primo dei non eletti l’attuale consigliere comunale geometra Simone Centore,  oggi componente del gruppo consiliare per la lista “Cambiamo con Toti – Coraggio Italia. Così che i componenti la lista della D.C., propone una donna alla guida di Ardea quale l’Avv. Alessandra Cantore, una donna  politica, che come tante che non ha “scheletri nell’armadio”, ma che soprattutto da qualche decennio ad Ardea la si può considerare superpartes come ha già dimostrato di essere quando ricopriva l’incarico di vicesindaco che ha mantenuto  per diversi anni.  Perché si vuole  divide il cdx? Quando c’è una persona preparata, di classe, e soprattutto ben accettata dall’intera popolazione? Una professionista conosciuta e stimata, conoscitrice dei problemi di Ardea, dalla piaga delle Salzare, del complesso immobiliare delle Salzare,  dai problemi dei balneari (che ha seguito anche professionalmente). Una giovane donna, una politica una professionista,  soprattutto stimata dai dipendenti comunali. Forse tutte le anime dovrebbero mettere da parte la propria prosopopea e lavorare per il bene di Ardea unendosi attorno ad una persona di classe, modesta e di esperienza politica e professionale, una persona che riuscirebbe a tenere unito il cdx. O c’è una regia dei soliti noti, dei vecchi politici rutuli di qualche ex assessore, sindaco e di qualche consigliere regionale che con i loro scagnozzi locali, cercano di  giocare  su più tavoli per mantenere il loro potere in regione, in parlamento ed al comune di Ardea? E tutto questo in danno di Ardea e dei suoi cittadini.  Ormai i cittadini hanno capito che il gioco di spaccare è per mantenersi la poltrona dal motto: “Divide et impera” e sempre più si stringono attorno all’avvocato Alessandra Cantore

Luigi Centore