INFARTO, ICTUS? AL MINIMO SOSPETTO CHIAMA IL 118

 

di GIANFRANCO COMPAGNO [MOJO]

L’AMBULANZA (118): “UN OSPEDALE CON LE RUOTE CHE PUÒ SALVARTI LA VITA ”Intervista al prof. Francesco Versaci direttore U.O.C. UTIC – Emodinamica e Cardiologia – Dea II – P O Nord Latina

 COVID-19, LA PAURA DEL CONTAGIO DISINCENTIVA L’UTILIZZO DEL 118 E SALGONO I DECESSI PER INFARTO E ICTUS “AL+PRESTO”, LA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE DELL’ASL DI LATINA PER PROMUOVERE L’UTILIZZO DELL’AMBULANZA

 Latina, 15/12/2020 – In Italia, circa 260mila persone ogni anno muoiono di malattiecardiovascolari. Durante il lockdown, la mortalità per infarto è triplicata, passando dal 4,1% al 13,7%, in larga parte (39%) a causa di un intervento poco tempestivo. In merito all’ictus, i dati non sono meno preoccupanti. Alla luce di questi numeri, l’ASL di Latina, in collaborazione con ARES 118, ha lanciato oggi una campagna di informazione per sensibilizzare la cittadinanza all’utilizzo immediatodell’ambulanza in caso di sintomi di infarto o ictus, tra le prime cause di mortalità in Italia e nei Paesi occidentali. Un intervento repentino, infatti, può salvare la vita.

L’ASL di Latina rappresenta un polo di eccellenza nella gestione delle criticitàcardiovascolari e neurologiche improvvise grazie anche all’operato dell’ospedale Santa Maria Goretti, primo in Italia e decimo in Europa per il trattamento dell’infarto miocardico acuto (classifica SIC, 2019), e sede della STROKE UNIT per gli interventi immediati sull’ictus.

Vista la competenza in materia e gli importanti risultati conseguiti, l’Azienda SanitariaLocale di Latina ha ritenuto prioritario lanciare un forte messaggio alla cittadinanza dal momento che un’azione tempestiva entro i primi 90 minuti dalla comparsa dei sintomi puòmcambiare il corso della malattia. Per questa ragione, nel caso in cui si presentino sintomi riconducibili a infarto o ictus, è fondamentale allertare tempestivamente il 118. Ogni minuto che passa, infatti, causa la morte di più cellule del muscolo cardiaco o nervose. L’ambulanza è il primo presidio daattivare per risolvere il problema, e il personale sanitario a bordo, può già avviare il trattamento opportuno intervenendo con i mezzi e le procedure necessarie.

In tutti i casi, e soprattutto se trattasi di una recidiva, o nel caso di soggetti che soffrono dialtre patologie cardiovascolari o di tabagisti, il ricorso all’ambulanza può salvare la vita,pertanto è meglio chiamarla immediatamente piuttosto che rivolgersi a familiari, al medico di base o a persone in prossimità. Per la campagna di comunicazione, la ASL di Latina ha voluto realizzare un video informativo e promozionale e del materiale cartaceo di approfondimento da distribuire a tutti gli stakeholder del territorio, contando sul supporto attivo di attori chiave come le Istituzioni locali, i media, le associazioni, la rete dei medici di base, le farmacie, i sindacati per la diffusione capillare del messaggio finalizzato a raggiungere maggior parte possibile della popolazione.