Il giovane atleta apriliano Emanuele Casilli è Campione del mondo WKA

Conquista il podio al World Champion Ships Poland 2022. A lui l’amministrazione riserva il prestigioso Premio San Michele

Grande festa al ritorno dalla trasferta. L’assessore Luana Caporaso ha voluto ringraziarlo personalmente

 

 

di Riccardo Toffoli

Emanuele Casilli conquista il podio al WORLD CHAMPION SHIPS POLAND 2022. Il giovane atleta apriliano è Campione del mondo WKA conquistando quattro ori in: Kata shito-ryu senior, kata interstile senior, kobudo (BO) e kobudo (TIMBEI ). Conquista l’argento in kobudo (SAI) e due bronzi in  kobudo (TONQUA) e kobudo (NUNCHAKU) “Oggi è un grande giorno che rimarrà nella storia -commenta il campione- Un altro piccolo passo verso questa bellissima ARTE MARZIALE. Un grandissimo ringraziamento va al mio maestro Ivano Di Battista che ha reso tutto questo possibile, grazie a tutta la tka il presidente Marilena Rubini e il nostro arbitro Andrea Pepe. Un’esperienza che non dimenticherò mai”. L’emozione è stata grande. Per Emanuele Casilli il Karate e lo sport in genere è una vera e propria passione. Emanuele Casilli rappresenta un’eccellenza giovanile del nostro territorio. Classe 1999, Emanuele Casilli oggi lavora come trainer presso la palestra Pianeta Forma ma la sua passione lo ha portato a svettare praticamente ovunque. Il 24 ottobre del 2021 aveva conquistato il podio nel Kata Seniores interstile alla Coppa Italia – Federazione Karate Italia – Libertas. Era il nuovo campione d’Italia. Ancora indietro nel tempo, a fine novembre 2019 era tornato dalla Serbia vittorioso e ha donato alla nostra città, mettendo nelle mani del sindaco Antonio Terra, i tre titoli mondiali conquistati. Ora è campione del mondo in tante discipline di quello sport che lui ama follemente e che ha abbracciato come missione di vita, mettendo in secondo piano tutto il resto. Il talento di Emanuele Casilli infatti, non è solo nello sport. Ha l’orecchio assoluto, dote per nulla comune, che gli permette di suonare meravigliosamente e senza fatica la chitarra, il pianoforte e la batteria. Ha iniziato a studiare con Pina Farina che ha subito riconosciuto il suo talento. Ha continuato chitarra acustica ed elettrica con Andrea Pietrosanti e batteria con Davide Malvi. Sicuramente la musica gli dà quel tocco di eleganza fisica che è l’arma vincente nelle sue competizioni. Ma Emanuele Casilli è anche un eccellente didatta, di quelli di un tempo, che erano più che altro maestri di vita. Presso la palestra Pianeta Forma che giustamente non se lo lascia sfuggire, trasmette la sua passione ai più giovani con un’intensità da vero Maestro di altri tempi. È allievo prediletto del sommo Maestro Cavaliere dello Sport Ivano Di Battista 9 dan. Da lui evidentemente si sviluppa questo modo di insegnare. Emanuele Casilli conferma quanto questa città riesce ad offrire in termini di talenti, del livello di qualità delle persone che vi abitano. È un campione del mondo che, per sua scelta, oltre alle sfide d’obbligo internazionale che il suo palmares gli impongono, si mette continuamente in gioco. Accetta qualunque sfida e trasmette la sua passione a tutti, ai giovanissimi ma anche a quelli meno giovani, tanto che la sua passione diventa un vero e proprio stile di vita. È il motivo per il quale viene seguito da tantissimi allievi di qualsiasi età, che trovano nel suo modo di allenare una possibilità di farcela a tutti i livelli, non solo quello agonistico. “Tutti ce la possono fare e bisogna andare sempre oltre” –è quello che ripete sempre. Nello sport come nell’arte non esiste “non farcela” o essere messo da parte perché magari si è più lento di altri. Lo sport è una passione che deve maturare in ognuno di noi e tutti per questo si lasciano trascinare.

LA SERATA A PIAZZA ROMA – La sera del 19 settembre la mamma Patrizia ha trovato un oceano di solidarietà per accogliere a festa Emanuele Casilli al suo ritorno dalla trasferta in Polonia. Il legame tra mamma e figlio è veramente importante e bellissimo. Come al solito, la fortuna non sorride molto a Casilli per i viaggi. Una volta si perdono le valigie, un’altra addirittura le armi da combattimento. Questa volta il volo dalla Polonia fa ritardo, poi il traffico sulla Pontina per i lavori. Nonostante questo, un fiume di persone ha voluto aspettarlo a piazza Roma. C’erano i suoi allievi vestiti a gara, tantissimi amici e tanti giovani e meno giovani che Emanuele allena in palestra e una grande scritta umana: “campione del mondo”. Ad attenderlo anche l’amministrazione comunale che si dimostra sempre sensibile. L’assessore allo sport Luana Caporaso ha voluto omaggiarlo di persona con la presenza portando le congratulazioni del sindaco e di tutta l’amministrazione comunale. “Complimenti ad Emanuele per questo grande risultato -ha commentato l’assessore Caporaso- le congratulazioni mie e quelle dell’intera amministrazione comunale per il risultato personale e per aver portato in alto il nome della nostra città di Aprilia”. A Casilli l’amministrazione ha voluto consegnare il Premio San Michele “come riconoscimento per aver dato lustro alla città di Aprilia con la sua attività”. Il premio è il più alto riconoscimento del Comune di Aprilia ai cittadini illustri e che si sono particolarmente distinti. La premiazione è avvenuta domenica 2 ottobre dal palco centrale di piazza Roma a chiusura dei festeggiamenti del Santo Patrono. Anche noi de Il Giornale del Lazio ci complimentiamo con Emanuele Casilli per il risultato raggiunto che rende orgoglio a tutta la nostra città.