LAZIO IN TOUR: UN MESE DI VIAGGI GRATIS PER I GIOVANI

28

 

 

Con “Lazio in Tour Gratis” 1 mese di viaggi gratis in tutto il Lazio su treni regionali e Cotral per tutti i giovani tra i 16 e i 18 anni. Una sorta di interrail regionale per scoprire e far conoscere la bellezze del Lazio ai ragazzi e alle ragazze. L’iniziativa sarà attiva dal 15 luglio al 15 settembre Al via “Lazio in Tour Gratis”, un’iniziativa unica al livello europeo per i giovani del Lazio che dà la possibilità ai giovani tra i 16 e i 18 anni di viaggiare gratuitamente per un mese sui treni regionali e i Cotral del Lazio. Un modo innovativo per far conoscere e amare le bellezze del Lazio ai più giovani. Ecco in cosa consiste il progetto “Lazio in tour gratis”: L’offerta: dal 15 luglio al 15 settembre 2018 i ragazzi potranno utilizzare gratuitamente i treni e i mezzi Cotral per scoprire il Lazio. L’offerta sarà fruibile per 30 giorni. Un tour 2.0: l’accesso passerà da un’apposita app “Lazio in tour gratis”, da scaricare sullo smartphone, che permetterà di prendere treni e bus gratuiti per 30 giorni successivi all’attivazione del ticket scaricato tramite app. Il Lazio delle meraviglie a disposizione dei ragazzi. I ragazzi avranno così la possibilità di fruire più facilmente delle bellezze del Lazio con pochi termini di paragone nel mondo: 7 siti Unesco 37 aree archeologiche 3 parchi nazionali 16 parchi regionali 317 Musei archeologici, storici, artistici e specializzati 17 Borghi più belli d’Italia 362 km di costa 6 meravigliose isole nell’Arcipelago Pontino “Quella presentata è un’iniziativa rivoluzionaria. Ma la possiamo annunciare grazie al fatto che negli ultimi anni abbiamo lavorato sodo con Trenitalia e Cotral per avere nella regione un servizio di mobilità per i cittadini degno di questo nome. Ci siamo riusciti grazie alla rinascita di Cotral e all’arrivo del 83% di nuovi treni regionali – così il presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: questa iniziativa è dedicata ai giovani del Lazio che diventano, anche grazie a questo provvedimento, i protagonisti di un nuovo percorso di crescita di conoscenza del territorio”.