Emma Marrone: il paradiso cerchi altrove i suoi angel

di Antonella Bonaffini
Che la vita serbi in se un disegno inspiegabile sembra ormai opinione  diffusa, eppure quando il male bussa, qualcosa sembra all’improvviso mutare i contorni della nostra esistenza, perché la morte, benché se ne dica, è l’attimo con cui tutti noi vorremmo mai doverci confrontare. Emma Marrone, si scontra con la malattia in età molto giovane. Quando i suoi coetanei si adoperano per realizzare i loro sogni, Emma è costretta ad adoperarsi per cercar di mettere in salvo la vita. La sua vita.
Sconfigge il male Emma ma dopo qualche anno, il mostro si ripresenta, la colpisce ancora. La ragazza viene operata, lo sconfigge e di lì a poco, partecipa anche ad Amici. Il successo arriva, insieme al successo anche l’amore, la sicurezza economica, la serenità. Emma è ovunque, con la sua grinta guadagna spazi e palchi difficilissimi da conquistare, i fan la adorano. Vasco Rossi scrive per lei e questo, è l’ennesimo sogno che trova realizzazione. Ma mai abbassare la guardia. Un controllo, un banalissimo controllo ed all’improvviso la vita si ferma. Qualcuno ha deciso che questa giovanissima donna, debba purtroppo lottare, lottare ancora. Ed Emma non si tirerà certamente indietro, vuole vivere Emma, giocarsela sino in fondo, per dimostrare il suo amore per la vita, vuole tornare a cantare Emma ed abbraccia e consola persino il suo pubblico “chiudo la partita una volta per tutte e torno da voi” riferisce sui social congedandosi. Eppure, qualche deficiente, oltraggiando non Emma Marrone ma la stessa esistenza, trova il coraggio di augurle la morte. Perché oggi avere un diverso pensiero politico, implica anche questo. Non morirà Emma, statene certi, ha sconfitto il cancro per ben due volte, non si tirerà certamente indietro adesso. Chiuderà il conto con il mostro e tornerà al suo pubblico. Il paradiso cerchi altrove i suoi angeli! Emma Marrone tornerà a cantare.  Statene certi.