APRILIA – BORGATE AL PALO: “L’AMMINISTRAZIONE NON CI ASCOLTA”

23

Tardivo secondo il presidente De Paolis l’incontro fissato per il 18 Aprile

 Fermi finanziamenti per oltre 3 mln, stallo sulle opere avviate e mai completate

“È una cifra vertiginosa e che ci consentirebbe di avviarci verso il completamento delle opere varate all’inizio degli anni 2000 e ancora incomplete”. Così Silvano De Paolis, Presidente del Consorzio per il Risanamento delle Borgate, si esprime una volta raggiunto al telefono dalla nostra redazione.

È del 06 Aprile scorso, infatti, la pubblicazione sul blog del Consorzio di un post in cui si denuncia per l’ennesima volta l’indolenza e l’indifferenza dell’amministrazione Terra per i disagi che affliggono i cittadini residenti nei borghi.

Nell’ordine l’amministrazione, pur avendo promesso che avrebbe perorato la causa degli abitanti delle borgate, non è riuscita ancora ad ottenere l’autorizzazione all’utilizzo dei ribassi d’asta sulle opere finanziate dalla stessa Regione per circa 1.500.000,00 euro.

Per chi non avesse dimestichezza con l’appaltese, il ribasso d’asta è quella fase dell’assegnazione di una gara d’appalto in cui un ente finanziatore, una volta stanziato il capitale per la realizzazione di una certa opera, consente a chi volesse aggiudicarsi l’esecuzione dell’opera di presentare la propria offerta economica al miglior prezzo di cui è capace. È la fase finale in cui i concorrenti si sfidano sulla capacità di ciascuno di garantire la realizzazione dell’opera al prezzo più vantaggioso per l’amministrazione pubblica. Ora la Regione Lazio ha stanziato il denaro ma non ha ancora dato avvio a questa fase decisiva per la successiva cantierizzazione dei lavori.

Stessa sorte per i circa 1.600.000,00 euro che invece ATO 4 (Ambito Territoriale Ottimale) ha messo a disposizione per il piano triennale per le reti fognarie di Aprilia. La maggioranza di Antonio Terra langue dunque tra divisioni interne e questo lascia presagire che non verranno fatte pressioni per l’accelerare gli iter burocratici in Regione e presso l’ATO 4.

“Il Coordinamento dei Consorzi – scrive Silvano De Paolis – ha richiesto al Sindaco un incontro per affrontare i problemi sopra citati, che  ha purtroppo fissato per il 18 Aprile, il che  evidenzia una notevole differenza di valutazione  circa la gravità e l’urgenza  degli interventi da  fare. Siamo ormai alla vigilia delle elezioni per il rinnovo del Consiglio Comunale e abbiamo la legittima preoccupazione che  nulla ancora sarà fatto per acquisire risorse che sembrano  disponibili, per  completare le opere  che sono nella fase più avanzata di realizzazione, per  fare qualche intervento, come ad esempio  la sistemazione di alcune strade delle borgate, dove  ai cittadini, specie in occasione delle piogge viene quasi impedita  la mobilità.”

Altro capitolo aperto e mai veramente chiuso è quello della bonifica delle discariche presenti sul territorio di Aprilia, di cui lo stesso Consorzio si da tempo occupato.

Da oramai molto tempo l’assessore Lombardi ha dato vita a un tavolo di studio congiunto con Regione, ARPA, ASL, Provincia di Latina ed esponenti del NOE e da altrettanto tempo – così denuncia De Paolis – “attendiamo di conoscere i risultati dei lavori di questa commissione. Due mesi fa abbiamo ricevuto rassicurazioni in ordine alla tempestività con cui l’assessore ci avrebbe relazionato l’esito degli studi compiuti dalla commissione. Ad oggi, pur avendo nuovamente invitato l’assessore a darci delle risposte, restiamo inascoltati. Siamo oramai allo stremo delle forze. Se anche in campagna elettorale il Sindaco e i suoi assessori non ci danno udienza, forse è veramente finita.”