APRE IL POINT “APRILIA CIVICA”. FESTA ROVINATA

106

Scortesia istituzional – politica o rottura definitiva? Goffo il tentativo di giustificare l’assenza

APRE IL POINT “APRILIA CIVICA” DEL CANDIDATO SINDACO TERRA

ROVINATA LA FESTA, LA LISTA “3° POLO – APRILIA FUTURA” NON SI PRESENTA

Il Sindaco toglierà la delega al vicesindaco Gabriele, se non chiarirà la sua posizione in settimana?

 

di Gianfranco Compagno

L’apertura del Point di “Aprilia Civica” , coalizione che fa riferimento al candidato sindaco Antonio Terra, per le prossime elezioni amministrative del 10 giugno, di via Goito domenica la mattina 8 aprile, doveva essere una grande festa. Doveva essere, come è stato l’apertura della campagna elettorale. Sopra l’ingresso una tabella cita: “APRILIA CIVICA –TERRA SINDACO” ai lati i simboli delle liste civice di appoggio: “3° POLO APRILIA FUTURA” – “RETE DEI CITTADINI APRILIA”- “APRILIA DOMANI” – “UNIONE CIVICA” – “L’ALTRA FACCIA DELLA POLITICA” – “FORUM PER APRILIA”, le liste che nel 2013consentirono al sindaco Antonio Terra di stravincere al primo turno con oltre il 55%. Mancava il simbolo di “Insieme per Aprilia” per intenderci la lista di Campoleone che aveva portato all’elezione della consigliera comunale Luana Caporaso, che oggi ha assunto il ruolo importante di coordinatrice di “Aprilia Civica”. È stata scelta la piccola sede di via Goito, che per l’occasione era strapiena (ci mancherebbe altro). In prima fila, sulla sinistra, posti riservati alla stampa, alla destra altri posti riservati non meglio specificati. A nostra richiesta ci è stato detto che erano riservati ai familiare dell’ ex sindaco D’Alessio, se fossero intervenuti. Dopo il taglio del nastro (azzurro) i rappresentanti della varie liste si sono messi in posa per la tradizionale foto. C’era un’assenza importante, per dirla alla Nanni Moretti: “mi si nota più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente?” Ebbene si è notata la mancanza del vicesindaco Franco Gabriele, nessuna notizia di lui. Assente anche la consigliera Michela Biolcati Rinaldi (qualcuno ha tentato goffamente di giustificarla). Il consigliere Gennaro Alfano, è stato visto seduto al bar centrale. Si è notata l’assenza del direttore generale della Multiservizi, Fabio Biolcati Rinaldi, già braccio (capo di gabinetto) destro del defunto sindaco D’Alessio. Ma non c’era nemmeno il neo coordinatore della lista. Praticamente non c’era nessuno della lista. Nemmeno i militanti, per lo più pensionati, che vediamo sistematicamente ad ogni manifestazione, che la domenica mattina presidiano un angolo di piazza Roma. Gli osservatori più attenti che conoscono le dinamiche della politica apriliana, hanno definito l’assenza una crepa profonda nella coalizione a quella che il sindaco Terra ha definito in conferenza: “qui c’è una coalizione vera che ha dentro di sé un DNA qualitativamente alto questo lo dico con orgoglio”. Possiamo dire senza rischiare di essere smentiti, quella che doveva essere una festa è stata rovinata da un’assenza in massa. Abbiamo chiesto al sindaco durante l’intervista video se toglierà la delega al vicesindaco Gabriele, se non chiarirà la sua posizione in settimana. Scontata la risposta in “politichese”, in campagna elettorale non conviene mai rompere, diciamo noi. Noi sappiamo che la politica è l’arte del possibile, ma soprattutto dell’impossibile. L’imbarazzo era visibile sin dall’inizio della conferenza, gli assessori (Eva Torselli, Francesca Barbaliscia, Mauro Fioratti Spallacci e Alessandra Lombardi), ognuno rappresentava la propria lista (il sindaco rappresentava Forum per Aprilia), mentre il Sindaco prendeva la parola, hanno avuto qualche difficoltà a trovare la posizione. Lo stesso Sindaco ha esordito: “non è semplice dire e raccontare, anche perché sono un po’ emozionato per la prima volta”. Emozionato o imbarazzato? Come da lui affermato non sapeva dell’ assenza del suo vice. Una scortesia istituzionale di una gravità unica o una rottura di un sodalizio che dura da nove anni? Ha parlato soltanto il Sindaco (onde evitare le gaffe degli assessori), un intervento di poco più di 15 minuti, dove ha ripercorso i cinque anni della consiliatura ormai giunta al termine, in continuità con la Giunta D’Alessio (2009). A ricordato le difficoltà della sua consiliatura che è coincisa con la crisi più buia dal dopo guerra. “Non siamo una coalizione invincibile, perfetta, comunque posso dire che c’è grande soddisfazione per quello che abbiamo fatto messo in piedi nonostante abbiamo attraversato un periodo peggiori abbiamo avuto una crisi profonda”. Ha poi parlato dei debiti pagati circa 50 milione, altri 28 da pagare, senza contare i contenziosi per espropri vari. Ha parlato di sanità e sociale. Ovviamente il discorso era rivolto alla stampa che francamente poco interessava, cose conosciute. L’attesa era per lo spazio delle domanda, mai come questa volta sono state pressanti. Tutti volevano sapere esclusivamente dell’assenza in massa dei rappresentanti della “3° Polo – Aprilia Futura”. Risposte imbarazzanti, era un arrampicarsi, come si sul dire, sui vetri. Sarà questa la settimana per fare chiarezza? O si dovrà aspettare sino all’ultimo giorno utile per la presentazione delle liste collegate al candidato sindaco?

Foto e Video di Gianfranco Compagno e Giorgia Ferrari (vai face book – Giornale del Lazio