APPELLO AL VOTO DEL CANDIDATO SINDACO VULCANO

41

 

 

 

Cambiamo tutti insieme Aprilia, ridiamo dignità alla nostra città. Serve una nuova stagione di rilancio amministrativo. Mandiamo a casa Antonio Terra che rappresenta 5 anni di fallimento amministrativo”. La coalizione di centrodestra che sostiene il candidato sindaco Domenico Vulcano fa appello a tutti i cittadini di Aprilia che chiedono un cambiamento alla guida della città. Dopo anni di isolamento, di buio amministrativo, di promesse mancate, serve una nuova stagione di crescita e sviluppo. “Vogliamo ridare una dignità a questa città – spiega Domenico Vulcano – rilanciare Aprilia, il suo territorio e le sue eccellenze. Abbiamo bisogno di un vero e forte cambiamento amministrativo in grado di trovare soluzioni adeguate ai problemi che attanagliano la città. In questi anni Antonio Terra ha tradito la speranza degli apriliani. Le sue promesse elettorali si sono dimostrate solo slogan senza sostanza. Tutti i suoi progetti sono rimasti chiusi nel cassetto, o perché irrealizzabili o perché è mancata la capacità amministrativa. I cittadini se ne sono accorti ampiamente e lo scorso 10 giugno hanno già mandato un primo avviso di sfratto alla Giunta Terra. Ora tocca a noi. La coalizione di centrodestra ha un forte programma di rilancio. Aprilia deve tornare ad essere un centro urbano primario della provincia di Latina e della regione Lazio. Dobbiamo diventare perno dell’economia e dell’agricoltura pontina attraverso la valorizzazione delle nostre eccellenze. Vogliamo conti in ordine ed un controllo costante sul bilancio da parte dei cittadini, una città più vivibile con opere ed infrastrutture che rispondano all’interesse dell’intera comunità, una tutela totale dell’ambiente e del territorio. Ci opporremo a tutti i progetti di discarica che gravano su Aprilia. Antonio Terra non può dire altrettanto visto che è stato finanziato da poteri forti, da aziende che lavorano nel settore dei rifiuti. Questo doppio gioco non l’ha mai spiegato ai cittadini che di certo non dimenticano”. “Puntiamo ad avere una città più sicura – continua Vulcano – attraverso un potenziamento del corpo di polizia locale. Combatteremo il degrado sia in centro che in periferia. Vogliamo finalmente iniziare un piano di risanamento e di riqualificazione delle periferie. E’ vergognoso che nelle nostre borgate la maggior parte delle famiglie viva senza acqua potabile, senza impianti fognari, senza strade asfaltate e al buio a causa di una pubblica illuminazione scadente. Sono anche loro cittadini di serie A come i residenti del centro storico. Anche gli apriliani delle periferie meritano gli stessi servizi perché anche loro pagano le tasse. Per questo pensiamo ad una città unita e non più divisa tra centro e periferia. Una sola Aprilia solidale e che ragioni come comunità. Vogliamo, altresì, riportare la nostra città al centro dei tavoli regionali e nazionali. La nostra città sta pagando uno stato di isolamento che dura da troppe stagioni. Una condizione questa voluta da Antonio Terra e che ci ha fortemente penalizzato. Con Antonio Terra i finanziamenti provinciali e regionali in direzione Aprilia sono letteralmente crollati. Vogliamo cambiare marcia. Metterci alle spalle tutto questo e scrivere insieme ai cittadini una nuova pagina di storia politica apriliana. Abbiamo davanti a noi un’occasione importante per noi e per i nostri figli. Domenica scegliamo il cambiamento, costruiamo insieme il futuro di Aprilia”.